Economia

Le organizzazioni degli agricoltori sulle difficoltà del settore zootecnico savonese

Coldiretti Savona pone all’attenzione che sono  oltre un centinaio le imprese zootecniche savonesi che si trovano in gravi difficoltà per la riduzione delle vendite verso il canale Ho.re.ca – Hotellerie-Restaurant-Café – a causa delle limitazioni imposte per arginare la pandemia, e per il conseguente crollo dei prezzi, scesi per la Razza Piemontese addirittura a 500 euro a capo: Coldiretti afferma che sarebbe necessario un intervento immediato per dare garanzie alle imprese e salvaguardare una filiera che è strategica, inoltre, per la salvaguardia del territorio dal rischio idrogeologico.

Gli allevatori bovini locali,  sottolinea ancora Coldiretti, concentrati specialmente in Val Bormida, stanno subendo perdite continue, mentre aumentano inesorabilmente i costi di gestione delle mandrie. L’emergenza Covid è costata sino ad oggi, agli allevamenti italiani, 1,7 miliardi di euro tra il blocco delle vendite, con la chiusura del canale della ristorazione, le fake news – così precisa Coldiretti – e il crollo dei prezzi, mettendo a rischio la sopravvivenza della Fattoria Italia.

“Le misure di contenimento e la chiusura parziale o totale del canale dell’Ho.Re.Ca. – affermano il Presidente di Coldiretti Savona Marcello Grenna e il direttore provinciale Antonio Ciotta – stanno penalizzando tutto il settore agroalimentare, con un impatto particolarmente pesante per il settore della zootecnia da carne. Il calo della domanda ha causato il crollo dei prezzi di vendita, mandando in sofferenza molte aziende savonesi, produttrici di grandi eccellenze. Per questo vanno individuati, quanto prima, strumenti di sostegno, aiuti diretti alle imprese e ristori concreti, in modo da evitare la chiusura delle aziende e il conseguente gravissimo danno in termini di abbandono del territorio, mantenimento e pulizia dei pascoli”.

Di positivo, tra tali notizie preoccupanti, emerge che la zootecnia ligure è di alto livello,  sia per quanto riguarda il settore ovi-caprino, ritenuto prevalente, sia per il settore bovino; in tale contesto ricordiamo la razza bovina ligure, la “Cabannina” …”bovini di piccola statura, i maschi misurano al garrese 125 cm e le femmine 118 cm. Il peso medio è di circa 400 kg. Di particolare rilievo è il grande volume addominale che conferisce all’animale una grande capacità di ingerire foraggi”, come si legge sul sito di “Agriliguria.net” originaria del Genovese, della zona di Rezzoaglio, ma si potrebbe ricordare anche l’antica ed ora non più diffusa razza “ottonese-varzese”. Comunque, negli allevamenti dell’entroterra, ha trovato terreno ideale altre razze bovine l’oltre Appennino, tra le quali  la rinomata razza piemontese.

Gli allevatori di bestiame, nel nostro territorio, è ancora da ribadire, svolgono inoltre una funzione di indispensabile presidio del territorio e di tutela dell´ambiente, come sottolinea Cia Liguria.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: