Attualità

La TNI è scesa a Montecitorio per indennizzi e aperture

Oggi a Roma sono scesi a Montecitorio circa 600 ristoratori per parlare con il Governo e cercare un punto d'incontro su aperture e indennizzi

Oggi a Montecitorio si sono riuniti circa 600 ristoratori per cercare di trovare un punto d’incontro con il Governo sul prolungamento della chiusura serale dei ristoranti:

“Questa iniziativa è nata da poco anche perché l’associazione TNI (Tutela Nazionale Imprese) è nata a marzo- esordisce Riccardo Rebagliati titolare del ristorante Mosè a Celle Ligure- e abbiamo deciso di venire in piazza a Montecitorio per farci vedere dal governo, anche se con questa scelta non siamo potuti venire in tanti per le misure anti Covid-19″.

“La cosa positiva è che una nostra delegazione capitanata da Pasquale Naccari, Presidente di Ristoratori Toscana, è andata dal Dottor Giorgetti per parlare e vedere se si riesce a trovare una strada per uscire da questa situazione che ci sta distruggendo. Così non si può continuare- continua Riccardo- abbiamo sempre più spese alle quali non riusciamo a sopperire perché non ci arrivano aiuti. Siamo qua a Roma oggi per chiedere questo: se non ci fanno lavorare che almeno ci aiutino con degli indennizzi. Purtroppo c’è stato anche il cambio del Governo per cui ciò che avevamo deciso con quello precedente è rimasto congelato ma adesso dobbiamo trovare un punto d’incontro.

Abbiamo fatto circa il 70% in meno dello scorso anno ma siamo stati comunque fortunati noi in Liguria perchè questa estate abbiamo lavorato ma i ristoratori toscani o veneti hanno fatto l’80% in meno ed è inaccettabile. Dobbiamo assolutamente fare qualcosa – conclude Rebagliati- e trovare una soluzione a questa catastrofe altrimenti molte attività rimarranno con le serrande abbassate”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: