Cultura e Musica

Andy Warhol dall’osare al successo

Il 22 febbraio 1987 moriva, per complicanze seguite ad un intervento chirurgico,  Andy Warhol, uno dei più emblematici rappresentanti dell’arte contemporanea, il più significativo della Pop Art. Lui, sopravissuto alle rivoltellate di Valerie Solanas, contro la quale tuttavia non testimoniò,  seppure la sua vita ne  venisse stravolta. Era il 3 giugno 1968 quando successe il fatto,  tre giorni dopo venne assasinato Bob Kennedy a Los Angeles e Warhol, pur ancora giovane, era nel pieno del suo successo. Erano gli anni 1960, che, anzi, volgevano al termine, il decennio cruciale per il cambiamento della società e del costume, il decennio da cui inizia la nostra epoca e di cui Warhol è un testimone ed un protagonista, in quell’America che vede l’affermarsi di una forma d’arte che doveva “essere -consumata- come un qualsiasi altro prodotto commerciale”. Robert Rauschemberg era stato il caposcuola del movimento, senza non poco stupore e scandalo, ma è con Warhol che la “Pop Art” diventa nota e più amata.  Andy Warhola, questo il vero cognome, era nato a Pittsburgh il 6 agosto 1928, da genitori di orgine “rutena” ovvero ucraini di Polonia, emigrati ai primi del 900, che provenivano da Mikovà,  piccolissimo paese oggi in Slovacchia, ed ottene la laurea dopo gli studi in  arte pubblicitaria al Carnegie Institute of Technology, attualmente la Carnagie Mellon University di Pittsburgh, nel 1949. New York è però l’ambiente ideale della sua attività, dove collabora come pubblicitario per le riviste Vogue e Glamour.

Dalla Pubblcità all’Arte, dalle inserzioni alla pittura, così la Pop Art, diventa veramente “popolare”, come appunto si vuole dalla sua definizione – Popular Art-. Si ritiene che la corrente “Dadaista” degli anni del primo dopoguerra sia, in qualche modo, una fonte del movimento ed  è vero, ma ciò che è proprio della lezione della corrente nata nel Regno Unito e negli Stati Unii è il dare forma , o “consistenza” artistica, ad oggetti di uso comune resi noti dalla pubblicità; si vuole che essa rapopresenti il malessere determinato dalla società dei consumi, che si afferma negli anni 1950 e 1960, ma non è anche una visione “ludica” e  priva di pregiudizi delle cose che circondavano la vita “moderna” e che ci circondano attualmente a far sì che divengano oggetto di creazione artistica, sempre sotto il profilo della visione dell’Arte, che trasforma in “bello” tutto ciò che riesce ad abbracciare? Per Warhol ciò vale ancora di più, con i suoi “ritratti” , dalla celeberrima Marylin Monroe, a Mao, da Liza Minnelli a Marlon Brando, ma ci sono anche la Regina Elisabetta e la Regina Margherita di Danimarca, che gli apportano una notorietà  fondamentale ed una simpatia globale, perchè è forse proprio il lato di immediatezza e di comunicatività, proprio della Pubblicità e del Fumetto, che rende accattivante e convincente il suo messaggio artistico; avvalendosi della tecnica serigrafica , immortala personaggi dello spettacolo, della politica, della cronaca o suoi autoritratti, diffonde immagini di vulcani, di animali, di materiale inserzionistico, divenuto  patrimonio iconografico unoversale, con un suo indelebile segno,  da cui non si può prescindere  per comprendere pure la nostra visione del mondo,  per incontrare il modo di trovare un messaggio di bellezza e di positiva ed accattivante concretezza in ciò che, talvolta se non spesso, ci sembrerebbe retaggio di opprimente condizionamento visivo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: