Attualità

Storie di tutti i giorni (6): Raul e i nostri nonni

Raul Casadei, il re del liscio, ci ha lasciato questa mattina e la notizia ha fatto il giro di tutte le agenzie, dei siti di uno speciale  su una rete generalista. Ma a me come altri che hanno da tempo superato il tempo della meglio gioventù la memoria non e’andata subito a lui ma ai miei nonni che in quegli spensierati anni 70 andavano a scatenarsi nelle piste da ballo, spesso organizzando pullman per l ‘evento. Ricordo, insieme ai miei nonni, tanti altri personaggi storici di Savona e del Ponente che volevano dedicarsi una serata di allegria a tutto liscio. Ballavano con i successi dell’orchestra che Raul aveva ereditato da zio Secondo. Si scatenavano, si abbracciavano e si facevano promesse mentre passavano i brani La Mazurka di periferia, Romagna Mia e Ciao Mare.  E quando tornavano a casa erano felici, contenti comunque di stare in un mondo difficile. Ecco, oggi sperando che la terra sia lieve a Casadei,  abbiamo avuto il momento di ricordarci di loro, sperandoli  felici questa sera, in un luogo dove non vi e ‘ coprifuoco, a ballare magari ricordandosi di  noi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: