Attualità

Loano, Palazzo Doria e Torre dell’Orologio si spengono per “M’illumino di meno”

alazzo_doria_loano_comune

Il Comune di Loano aderisce all’edizione 2021 di “M’illumino di meno”, la giornata del risparmio
energetico e degli stili di vita sostenibili ideata nel 2005 dalla trasmissione “Caterpillar” e da Rai Radio2
per chiedere ai propri ascoltatori di spegnere tutte le luci che non sono indispensabili. Un’iniziativa
simbolica, ma concreta, condivisa e voluta da tutti i gruppi consiliari.
Nelle serate di sabato 27 e domenica 28 marzo le luci che illuminano la facciata del municipio di Palazzo
Doria e Porta Passorino verranno spente. I due edifici resteranno “al buio” per l’intera nottata.
“Anche quest’anno – spiegano il sindaco di Loano Luigi Pignocca e l’assessore all’ambiente Manuela
Zunino – abbiamo voluto aderire alla giornata del risparmio energetico ‘spegnendo’ due degli edifici
simboli della nosra città. Un piccolo ma imporante gesto per testimoniare il costante impegno della nostra amministrazione comunale nella lotta agli sprechi e nella promozione di iniziative volte a ridurre
l’incidenza delle attività umane sull’ambiente”.
Tutti possiamo fare la nostra parte: “Il risparmio energetico è la prima e più elementare forma di ‘politica
ambientale’ possibile. Tutti possiamo contribuire a raggiungere questo obiettivo con piccoli e semplici
gesti. Invitiamo dunque tutti i cittadini, i commercianti, le imprese e le associazioni della città a
partecipare attivamente a questa importante iniziativa diminuendo il consumo di energia, anche solo per
un’ora spegnendo le luci o gli apparecchi elettronici, abbassando il riscaldamento o scegliendo i mezzi
pubblici, la bicicletta o una bella passeggiata invece dell’automobile”.
Proprio in ambito di risparmio ed efficientamento energetico, l’amministrazione comunale di Loano ha
partecipato al progetto Prosper Elena, l’iniziativa a sostegno degli investimenti in efficienza energetica e
trasporto sostenibile promosso congiuntamente dalla Banca Europea per gli Investimenti e dalla
Commissione Europea nell’ambito del programma Horizon 2020.
Sottoscrivendo con la Banca Europea degli Investimenti il contratto 2012/043, la provincia di Savona ha
ottenuto un finanziamento come capofila di 33 Comuni (divenuti poi 36) ed ha potuto così dare il via al
progetto Prosper (PROvince of Savona Pact for Energy and Renewables). I fondi Elena sono destinati,
quali contributi a fondo perduto, a sostenere gli Enti Locali nell’attuazione di iniziative destinate
all’efficientamento ed al risparmio energetico.
Per quanto riguarda Loano, sono stati interessati al progetto e alla riqualificazione energetica sei edifici
comunali: il municipio di Palazzo Doria, la residenza protetta Ramella di via Stella, le scuole MazziniRamella di via Ugo Foscolo, il PalaGarassini, lo stadio Ellena, le scuole Valerga di corso Europa.
“M’illumino di meno” torna venerdì 26 marzo ed è dedicata al “Salto di Specie”, l’evoluzione ecologica nel
nostro modo di vivere che dobbiamo assolutamente fare per uscire migliori dalla pandemia.
Con un salto di specie, da un pipistrello a un pangolino, dal pangolino all’uomo, un virus ha messo in
ginocchio la specie umana. Abbiamo capito quanto siamo fragili, drammaticamente interconnessi, quanto
abbiamo logorato il mondo in cui viviamo mettendolo in pericolo. Abbiamo fatto noi, la specie umana, da trampolino per questo salto di specie: pipistrello e pangolino stavano da millenni in equilibrio in una
foresta tropicale. Adesso tocca alla specie umana fare un salto di specie, un’evoluzione nel nostro modo
di abitare il pianeta. Ognuno di noi è chiamato a diventare più green, più responsabile, più sostenibile,
più efficiente, più intelligente, più in armonia con il pianeta. Bisogna fare un salto in avanti: in tanti modi,
in tanti ambiti.
“M’illumino di Meno 2021” raccoglie e racconta i salti di specie singoli e collettivi verso la transizione
ecologica. Quelli già fatti, quelli in atto, quelli in programma. Grandi e piccoli balzi in avanti: salti di
specie. E’ salto di specie passare dalle energie fossili alle rinnovabili. E’ salto di specie la mobilità
sostenibile. E’ salto di specie il risparmio energetico, è salto di specie il cappotto termico che riduce i
consumi di casa, è salto di specie riciclare, ridurre, riconvertire. E’ salto di specie la raccolta differenziata
e la riduzione dei rifiuti fino a rifiuti zero. E’ salto di specie l’economia circolare. E’ salto di specie la
riduzione degli sprechi alimentari. E’ salto di specie piantare alberi e rendere le città più resilienti. E’ salto
di specie consumare meno e meglio, è salto di specie investire eticamente. E’ salto di specie ridurre il
consumo di suolo e tutelare il paesaggio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: