Cultura e Musica

Dante, numero uno in Europa

Non polemiche gratuite ma eventi significativi per il grande Poeta

Ci potremmo cominciare a godere le celebrazioni per i settecento anni dalla morte di Dante, se non fosse per i “guastafeste” di cui lo scrivente  si è dovuto occupare quando ha voluto stendere un pezzo in occasione del “Giorno di Dante”, il 25 marzo scorso e mi riferisco a quel tale signor Arno Widmann ed al suo intervento sulla Frankfurter Rundschau – Rassegna di Francoforte – ; un punto di vista un po’ peregrino, per quanto qualcuno lo difenda, e considerato come una egocentrica provocazione pure da un altro intellettuale tedesco, il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, almeno per le frasi che ne ho letto in traduzione, che però è diventato un caso continentale con la Lega che avrebbe addirittura presentato una proposta di risoluzione in cui si chiede alle istituzioni dell’Unione Eurpea di “riconoscere il valore inestimabile di questa eredità culturale che un figlio di Toscana ha consegnato a tutto il mondo “ – che del resto è vero!– Il giorno dopo è arrivata la notizia di edizioni in olandese della “Divina Commedia” , apparse nei Paesi Bassi e nel Belgio Fiammingo – pure la lingua fiamminga è l’olandese – in cui sarebbe stato omesso il riferimento a Maometto di cui, nel poema dantesco, si parla nel canto XXVII dell’Inferno, per non far torto alle comunità islamiche. Non vado avanti a dilungarmi sulle “cretinate” – le cose bisogna chiamarle col loro nome quando si deve –  che non meriterebbero più di tanta attenzione o non ne meriterebbero affatto,che vengono riferite, aggiungendone altre, con lo scopo nemmeno troppo nascosto di seminare zizzania coi nostri partners europei, pure da giornali che non dovrebbero essere di appartenenza  antieuropea o sovranista che dir si voglia.  E’ veramente “inaccettabile” per usare un termine molto abusato ai giorni nostri – e diventato quasi ridicolo! – ,  ma lo è veramente tanto, che si dia così tanto spazio  alle scemenze e nessun giornalone e nessun giornalino, abbiano riservato una maggior attenzione a riguardo di un evento europeo di grande respire o di importanza per la cultura e per le commemorazioni dantesche, e mi riferisco all’edizione 2021  della Giornata Mondiale della Poesia, tenutasi il 21 marzo scorso, on  line e di cui è stato realizzato un video; quattordici poeti  europei  hanno dedicato, ciscuno, alcuni versi a Dante, in occasione del settecentesimo della morte; un evento straordinario cui hanno partecipato Barbara PUMHÖSEL per l’Austria, Rumen IVANČEV per la Bulgaria, Kateřina RUDČENKOVÁ per la Repubblica Ceca, Christine D’HAEN per le Fiandre, Jan WAGNER per la Germania, Nicola BULTRINI per l’Italia, Agnė ŽAGRAKALYTĖ per la Lituania, Pedro EIRAS per il Portogallo, Octavian SOVIANY per la Romania, Ján ZAMBOR per la Slovacchia, Brane SENEGAČNIK per la Slovenia, Juan Antonio GONZÁLEZ IGLESIAS per la SPAGNA, Andrea BIANCHETTI per la Svizzera, János LACKFIper l’Ungheria.

La manifestazione annuale gode dell’Alto Patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, che il 21 marzo di ogni anno celebra la Giornata Mondiale della Poesia, riconoscendo all’espressione poetica il ruolo privilegiato di promozione del dialogo, della comunicazione e della Pace tra culture. A quello dell’UNESCO si aggiungono il Patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione europea e quest’anno anche quello del Comitato Nazionale per la celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Con la manifestazione del 21 marzo, resteranno inoltre visibili i contributi quotidiani realizzati tra il 14 e il 20 marzo, sulla pagina Facebook di @EunicRoma per quanti vorranno approfondire e studiare le poetiche degli artisti contemporanei europei.

Oltre a ciò, grazie alla promozione della Asociación Complutense de Dantología dell’Universidad Complutense di Madrid,  diverse università, istituzioni culturali italiane e spagnole, organizzazioni, associazioni e imprese di Madrid si sono unite con l’obiettivo di realizzare un programma comune di eventi che – come si legge nella pagina web di presentazione del progetto – trasformerà Madrid nel 2021 in una vera e propria «città dantesca»!

 

Immagine da Focus Junior

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: