Economia

Nuovi fondi alla Liguria dal Piano di Sviluppo Rurale

L'Assessore Piana per l'agricoltura biologica ed integrata e per le specificità liguri

Su proposta dell’ Assessore all’Agricoltura e Vicepresidente della Regione Liguria, Alessandro Piana,  la Giunta Regionale ha messo a disposizione due milioni di euro per finanziare e sostenere le aziende del settore che si impegneranno in produzioni agricole biologiche ed integrate.  Le domande potranno essere presentate a partire dai prossimi giorni e sino a lunedì 17 maggio. Sempre bene ricordare che si tratta di fondi europei, a valere sui finanziamenti del Piano di Sviluppo Rurale,  di cui l’Italia è la seconda beneficiaria in Europa.  L’agricoltura biologica od integrata,  riduce l’impiego di sostanze chimiche ed attua un controllo diverso delle malattie delle piante e dei fattori ambientali.

Si tratta di risorse molto importanti – afferma l’Assessore all’Agricoltura Alessandro Piana – per incentivare la tutela ambientale e per la tenuta economica delle nostre aziende, vista la crisi di liquidità connessa alla pandemia da Covid-19. Due sono le misure previste: una per sostenere la modalità ecocompatibili per l’adesione ai principi dell’agricoltura integrata, per interventi su prati stabili, pascoli, prati-pascoli e incentivare l’allevamento di specie animali locali a rischio di estinzione, come i bovini di razza Cabannina e Ottonese Varzese, equini di razza Bardigiana, asino dell’Amiata, ovini di razza Brigasca e pecora delle Langhe. E un’altra misura per supportare la conversione e il mantenimento degli impegni dell’agricoltura biologica. Rispetto al passato, questa volta c’è un’importante novità: gli impegni che cominciano nel 2021 non dovranno più avere una durata di 5 anni, ma solo di un anno, rinnovabile. Questo rappresenta un vantaggio per i nostri agricoltori e allevatori, perché rende più semplici le domande e più veloci i controlli”.

Ogni azienda interessata potrà presentare una sola domanda per misura e i pagamenti saranno proporzionali alla superficie impegnata o al numero di capi di bestiame allevati. Sono previsti premi annui sino a 1.000 euro per ettaro e 300 euro per unità di bestiame adulto. Le domande dovranno essere trasmesse tramite il sistema informatico SIAN e firmate digitalmente entro il 17 maggio. Tutte le informazioni sono visibili sul sito web regionale e, per estratto, sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria.

Il 31 marzo scorso l’Assessore, aveva  partecipato, in videoconferenza, all’audizione nella 9^ Commissione (Agricoltura e produzione agroalimentare) del Senato,  sul Disegno di Legge 2009.

Un confronto efficace – aveva commentato Piana al termine della riunione – sul settore florovivaistico, parte fondamentale del made in Italy, che dimostra visione d’insieme e attenzione alla Liguria, quale vero e proprio termometro del comparto a livello nazionale. Quella di stamane è stata un’occasione per focalizzare l’attenzione anche sulla semplificazione burocratica delle esportazioni verso il Regno Unito, sulla sostenibilità e sui possibili acceleratori della ripartenza”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: