AttualitàPolitica

Il sindaco di Garlenda Silvia Pittoli si racconta

Ogni sindaco deve affrontare, nel quotidiano, molte difficoltà e queste sono aumentate nell’ultimo anno a causa della pandemia da Covid-19 ma, nonostante ciò, i primi cittadini non si sono mai lamentati e sono andati avanti a testa alta continuando il loro lavoro. A raccontare la testimonianza del suo lavoro come sindaco sarà Silvia Pittoli, primo cittadino di Garlenda.

 

Un Suo breve curriculum

Ho conseguito la laurea in giurisprudenza presso l’università di Genova, sono avvocato ed ho lo studio ad Albenga. La mia esperienza politica nasce nel 2004 quando vengo nominata vicesindaco, incarico che ricopro per dieci anni, fino al 2014; in quell’anno mi candido come sindaco, vengo eletta e riconfermata nel 2019. La mia è una lista civica e non ho tessere di partito

 

Perchè ha deciso di candidarsi sindaco?

Il mio è un percorso di crescita ed investimento fatto dal gruppo “Collaborazione e Progresso” che crede nei giovani e mi ha fatta crescere politicamente. Il vero punto di forza della squadra è quello della formazione e della crescita dei giovani che saranno i futuri sindaci; a questi ragazzi è data la possibilità di fare esperienza come consigliere comunale, assessore e vicesindaco

 

Cosa significa per Lei essere sindaco?

Per me significa grande responsabilità e gratificazione; ci sono stati momenti duri ma anche la grande soddisfazione di vedere cambiare il mio paese. Lo sviluppo viene fatto tenendo conto del programma elettorale e nonostante la pandemia i lavori per le grandi opere sono continuati; stiamo facendo l’arginatura del torrente Lerrone per evitare le esondazioni, finiamo i lavori nel Palazzetto dello Sport e nel corso dell’anno termineremo i lavori della palestra delle scuole. A breve appalteremo i lavori per il rifacimento del Ponte di Villafranca e stiamo effettuando la pulizia dei sentieri per quando arriveranno i turisti; come donna non mi sono mai sentita discriminata nel rapporto con i miei colleghi ma siamo ancora troppo poche in questo ruolo. Sono contenta che siamo sempre di più e mi ritrovo molto con le mie colleghe ma spero che le donne sindaco possano aumentare nel corso del tempo

 

Cosa si sente di dire in merito alle decisioni del Governo per arginare la pandemia?

Il ruolo del Governo centrale è molto delicato, le decisioni da prendere sono difficili e non le critico; la sofferenza economica e sociale è in aumento e spero che i vaccini possano arrivare al più presto in numero adeguato. Gli ultimi due Governi, il Conte Due e Draghi, hanno avuto entrambi una situazione difficile

 

Una frase che la rappresenta

Non faccio promesse assurde; la serietà e la volontà sono i miei punti fermi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: