AttualitàPolitica

Il sindaco di Borghetto Santo Spirito Giancarlo Canepa si racconta

Ogni sindaco deve affrontare, nel quotidiano, molte difficoltà e queste sono aumentate nell’ultimo anno a causa della pandemia da Covid-19 ma, nonostante ciò, i primi cittadini non si sono mai lamentati e sono andati avanti a testa alta continuando il loro lavoro. A raccontare la testimonianza del suo lavoro come sindaco sarà Giancarlo Canepa, primo cittadino di Borghetto Santo Spirito.

 

Un Suo breve curriculum

Ho 50 anni e dopo le scuole superiori mi sono iscritto alla facoltà di giurisprudenza senza terminare gli studi per dedicarmi all’azienda di famiglia che opera nel settore dei servizi elettrici con la specializzazione nelle luci di Natale; ho svolto, con orgoglio, il servizio militare presso l’Arma dei Carabinieri. Nel 2017 mi sono candidato sindaco presso il comune di Borghetto Santo Spirito e sono stato eletto; questa è la mia prima esperienza politica

 

Perchè ha deciso di candidarsi sindaco?

Mi sono candidato perchè ho ritenuto che ci fossero le condizioni giuste; l’amministrazione precedente era caduta a causa di un debito fuori bilancio ed in seguito sono venuti a governare la città due Commissari Prefettizi, uno dei quali arrestato per motivi non legati alla nostra situazione economica. Ho deciso, con un gruppo di amici in cui ho trovato molte competenze, di mettermi a disposizione della città e le persone ci hanno premiati

 

Cosa significa per Lei essere sindaco?

Per me essere sindaco significa mettersi a disposizione della comunità senza limiti di orario e lavorando anche nei giorni festivi sacrificando tempo al lavoro e alla famiglia. Questo è il mio ultimo anno come sindaco poichè nel 2022 ci saranno le elezioni amministrative e non so ancora se mi ricandido; deciderò dopo opportune riflessioni. L’obiettivo di risanare i conti del comune è stato raggiunto; abbiamo fatto grandi passi avanti ma ci troviamo in una situazione di pre-dissesto come il comune di Savona. Chiunque sarà il prossimo sindaco si troverà i conti in regola e amministrerà un comune virtuoso

 

Cosa si sente di dire in merito alle decisioni del Governo per arginare la pandemia?

Non sempre condivido le scelte del Governo centrale ma come servitore dello Stato devo applicarle e farle applicare; spero che ci sia maggiore sensibilità verso le fasce più deboli e le attività economiche penalizzate

 

Una frase che la rappresenta

Bisogna sempre guardare avanti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: