Attualità

Verso ad una proroga fino al 18 aprile della zona rossa

A far prendere la decisione i dati, per niente confortanti, pervenuti questa mattina dall ‘Ospedale di Albenga dove i ricoveri non accennano a diminuire. I contagi, come si legge dalle cifre degli ultimi giorni non calano nel nostro comprensorio e dunque si renderebbe necessario prorogare la zona rossa di almeno un’altra settimana nelle province di Savona e Imperia ( anche nell ‘estremo ponente i numeri sono poco edificanti ). Il condizionale rimane ancora d ‘obbligo ma ci vorrebbe davvero una netta inversione di tendenza per far cambiare il colore alle nostre zone. Afferma L., un’infermiera che lavora da anni nella struttura albenganese: ” La situazione in questi ultimi giorni e ‘ difficile, purtroppo i ricoveri continuano ogni giorno “. Dunque, salvo clamorosi colpi di scena, il Ponente ligure dovrà fare i conti ancora per una settimana con misure rigorose, a volte poco rispettate va detto come si vede dalle tante, troppe persone che passeggiano per le vie delle nostre città senza motivazione. Poi dal 18 passeremo, si spera, in arancione allineandosi alle altre aree liguri.

Ma intanto, con il passare dei giorni, si studiano le misure da attuare per la prossima estate, partendo dal fatto che non ci sarà più il liberi tutti del 2020. Preoccupa in particolare, e non e ‘una fake news, il periodo tra il 10 giugno e 10 luglio, concomitante con il campionato europeo di calcio. Il timore e’ che tanti tifosi, in caso di vittoria della nostra Nazionale, si riversino in strada, creando assembramenti. Ecco allora allo studio un coprifuoco da attuare dalle 23 in poi nei giorni nei quali giocheranno gli azzurri. Il ministro Speranza e il Cts stanno studiando queste misure per evitare assembramenti.

Nella foto il ct Mancini, le vittorie della Nazionale non fanno dormire tranquilli il Cts

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: