Attualità

Coda d’inverno e neve in collina

Nessun evento eccezionale ...Godiamoci piuttosto i bellissimi panorami

Ritorno di inverno, in questa prima metà di aprile, specie per le alture del Savonese, dove incantati panorami innevati evocano di più il periodo natalizio che non i giorni successivi alla Pasqua, in questa domenica  “In Albis”.

I giorni passati,gelate notturne si sono registrate specie in pianura ed insomma una vera coda d’inverno ha investito una primavera che sembrava iniziata “in quarta”, ma si sapeva che era così! Qualcuno si sbriga a proclamare che “il clima è impazzito” perchè, a tutti i costi, bisogna accreditare il dogma  –  che non è un dogma – del cambiamento climatico, del “global warming” che avanza più rapidamente del previsto e l’ultima panzana sentita dalla Televisione annunciava il rialzamento del livello del mare entro pochi decenni, e quindi prepariamoci, cellesi, savonesi, genevesi,  “gente de rivea” . gente da galea- per dirla con l’inveterato pregiudizio degli abitanti del Capoluogo, perchè vivremo –  vivrete, perchè lo scrivente per ragioni anagrafiche per ora forse non prossime ma inesorabili, non sarà più qui a constatare che non aveva torto a dubitare di quello che viene enunciato con tanta sicumera –  ebbene, secondo le previsioni apocalittiche, vivrete sott’acqua come il famoso capitano Nemo sul suo “Nautilus” !

Il realtà le code d’inverno ad aprile sono tutt’altro che rare; le stesse normative  di viabilità  prescrivono di munirsi di catene o di gomme antineve sino a metà aprile; le memorie del passato raccontano di giorni di Santa Caterina, a Varazze, pertanto il 29 – non il 30  – aprile , col nevischio; di offensive belliche che non si erano potute attuare, come ad aprile 1916, per una tardiva e non attesa nevicata, sul fronte occidentale; quando il destino volle che venisse al mondo Adolf Hitler, il 20 aprile 1889, si legge nelle biografie di un inverno che non voleva finire..Le immagini riproposte in questi giorni, del triste ritrovamento di Wilma Montesi morta, sulla spiaggia di Torvaianica,  proprio l’11 aprile del 1953  – allora vigilia di Pasqua – mostrano persone in abbigliamento invernale!  Ma non rispolveriamo anni remoti; nel 2001, nel 2004, il Beigua imbiancato  fece la sua comparsa ad aprile e nel 2005 il “freddo d’aprile” ci accompagnò sino a fine mese e, più recentemente, nonostante corrispondenti periodi più caldi della norma come nel 2918, l’instabilità di aprile si fa’ sempre notare – aprile ogni goccia un barile , del resto, o no!- e fotografie di Sassello con la neve il primo maggio mi sono state inviate nel 2019!

Del resto, se ad aprile fa’ caldo, immediatamente viene detto che ” é un record” e che un tempo invece faceva freddo e quindi l’attestazione del “global warming” in atto continua a segnalarsi con prepotenza! Il “global warming” c’è sempre; sia che faccia caldo, sia che faccia freddo, è sempre la prova del suo avanzare  – e del regredire del buon senso – ! Comunque godiamoci lo spettacolo dell’ultima neve !

 

Nella foto: Veirera di Sassello, fra Alberola e Piampaludo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: