AttualitàPolitica

Il sindaco facente funzioni di Noli Debora Manzino si racconta

Ogni sindaco deve affrontare, nel quotidiano, molte difficoltà e queste sono aumentate nell’ultimo anno a causa della pandemia da Covid-19 ma, nonostante ciò, i primi cittadini non si sono mai lamentati e sono andati avanti a testa alta continuando il loro lavoro. A raccontare la testimonianza del suo lavoro come sindaco sarà Debora Manzino, primo cittadino facente funzioni di Noli.

 

Un Suo breve curriculum

Mi sono diplomata come geometra e ho fatto la mamma per tanto tempo dopodichè, nel 2014, mi sono messa in discussione ed ho frequentato un corso per amministratore di condominio; ora ho uno studio a Noli. Sempre nel 2014 mi hanno convinta a fare l’esperienza come consigliere comunale nonostante non avessi mai fatto politica; ho studiato per prepararmi al meglio ma abbiamo perso e dal 2014 al 2019 sono stata consigliere di minoranza. Questo periodo mi è servito per capire come funziona la macchina comunale, che è molto difficile, anche se il sindaco uscente, Ambrogio Repetto, mi ha aiutata molto; nel 2019 mi sono candidata con la lista #ideanoli, abbiamo vinto ed il sindaco Lucio Fossati mi ha voluta come sua vice. Ci siamo insediati in un periodo molto difficile poichè abbiamo dovuto affrontare l’alluvione del 2018 ed in seguito quella del 2019; abbiamo sistemato il paese e subito dopo c’è stata la pandemia. La nostra è una lista civica ed io non ho tessere di partito

 

Perchè ha deciso di candidarsi consigliere comunale?

Ho deciso di candidarmi nel 2014 poichè amo Noli, mi sento a casa e fin da bambina ho pensato che la mia vita fosse qui; la mia è una scelta affettiva e non credo che con il mio operato cambieranno le cose anche se ognuno deve dare il meglio di sè per portare qualcosa di positivo. A circa 50 anni ho deciso di mettermi in gioco ed il mio diploma mi ha aiutata molto perchè sono assessore ai lavori pubblici e alla Protezione Civile; in questo modo posso dare una mano in modo positivo. Da dicembre ho le deleghe del sindaco che sono bilancio, personale e sociale; il gruppo è sempre presente, attivo, compatto e lavoriamo insieme a 360 gradi

 

Cosa significa per Lei essere sindaco facente funzioni?

Per il mio carattere non dò molta importanza alla poltrona; mi ritengo uguale agli altri del gruppo anche se, allo stato attuale, ho maggiori responsabilità civili e penali. C’è collaborazione e fiducia con tutti gli uffici e i dipendenti; il peso della carica è condiviso con gli altri membri della squadra ma sono onorata di tenere il carico della nomina con la speranza che il sindaco torni al più presto. Non mi piace apparire e parlare di me stessa; non mi sono mai sentita discriminata come donna delle istituzioni anche perchè ho un buon rapporto con la collettività, i dipendenti comunali e tutta la macchina amministrativa. Quando frequentavo le scuole superiori eravamo solamente tre ragazze ma non mi sono mai sentita emarginata

 

Cosa si sente di dire in merito alle decisioni del Governo per arginare la pandemia?

E’ una situazione difficile per lo Stato, le regioni ed i comuni; ognuno di noi cerca di fare del suo meglio per uscire da questa situazione. Non voglio fare polemiche poichè ogni politico di ciascun livello cerca di fare del proprio meglio per essere all’altezza della situazione

 

Una frase che la rappresenta

Semplicità e trasparenza

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: