AttualitàPolitica

Il sindaco di Laigueglia Roberto Sasso Del Verme si racconta

Ogni sindaco deve affrontare, nel quotidiano, molte difficoltà e queste sono aumentate nell’ultimo anno a causa della pandemia da Covid-19 ma, nonostante ciò, i primi cittadini non si sono mai lamentati e sono andati avanti a testa alta continuando il loro lavoro. A raccontare la testimonianza del suo lavoro come sindaco sarà Roberto Sasso Del Verme, primo cittadino di Laigueglia.

 

Un Suo breve curriculum

Mi sono diplomato ragioniere perito informatico ed ho svolto diversi corsi legati alle attività di volontariato; sono stato presidente della Croce Bianca e della Protezione Civile, ho diversi brevetti e sono agente immobiliare dal 1997. Ho cominciato la mia attività politica come consigliere della Comunità Montana diventando, in seguito, consigliere comunale, assessore e presidente del consiglio; nel 2018 mi sono candidato per la prima volta come sindaco e sono stato eletto mentre lo scorso anno ero candidato come consigliere regionale. Sono anche stato assessore provinciale per due anni, l’ultimo assessore prima della chiusura delle province; sono nella Lega da ben 30 anni ed ho ricoperto molti incarichi : segretario cittadino della sezione Laigueglia-Andora, revisore dei conti provinciale, responsabile dei Giovani Padani per la provincia di Savona, membro del direttivo della provincia di Savona e di quello della regione Liguria svolgendo, infine, il ruolo di segretario provinciale

 

Perchè ha deciso di candidarsi sindaco?

Ho fatto dieci anni di esperienza amministrativa qui ed ho provato a continuare; ho avuto, con la mia elezione una grande opportunità anche se stiamo attraversando un periodo difficile. In questo momento di pandemia ho dovuto mettere da parte la volontà amministrativa per seguire le problematiche legate al virus pensando al bene della comunità ed i risultati non hanno tardato ad arrivare; abbiamo portato a casa il ripascimento per oltre 5 milioni di euro per la difesa della costa che cambierà il volto delle spiagge, in collaborazione con ANAS abbiamo messo in sicurezza Capo Mele ed abbiamo investito più di 130.000 euro di fondi comunali per le famiglie dei commercianti in aggiunta ai ristori del Governo centrale. Ho inoltre portato avanti un progetto di “telemedicina” lavorando con la Croce Bianca dedicato ai bisognosi nel quale gli anziani soli vengono contattati, in modalità video, per sapere come stanno; il tutto è stato realizzato con risorse comunali attraverso smartphone e tablet ed è gratis per gli utenti ma a coloro che ne sono sprovvisti viene dato, in comodato d’uso e in numero limitato, un tablet. Voglio inoltre ricordare che Laigueglia è uno dei primi comuni con una propria depurazione finita grazie agli impianti già presenti ed il completamento del progetto sperimentale, in collaborazione con l’Università di Genova, denominato M.U.D.S. (Marine Underwater Depuration System)

 

Cosa significa per Lei essere sindaco?

Per me significa voler bene al paese che mi ha visto crescere e poter intervenire per mantenerlo nel limite di migliorarlo con un occhio di riguardo alla green economy tanto che la raccolta differenziata, svolta con la modalità porta a porta, è al 77% e cercare di risolvere i problemi; voglio ricordare che Laigueglia è uno dei borghi più belli d’Italia. Aver fatto l’esperienza di affrontare il Covid da sindaco mi ha sicuramente fatto maturare apprendendo tutte le problematiche e le difficoltà di ricoprire un ruolo come quello del primo cittadino; il mio pensiero va a tutti i miei concittadini, e non solo, che sono stati toccati dalla pandemia ma anche a tutti i colleghi che l’hanno affrontata andando spesso al di là del proprio ruolo ma sicuramente per il bene del proprio paese

 

Cosa si sente di dire in merito alle decisioni del Governo per arginare la pandemia?

Il Governo Conte Due ha dimostrato inadeguatezza pur sfruttando le commissione tecniche e capendo le difficoltà del problema sorto; il Governo Draghi, nel limite delle proprie possibilità, affronta la crisi con un approccio diverso e spero che porti a risultati più celeri con un impatto meno devastante per l’economia. Sono convinto che l’unica soluzione per uscire dalla pandemia sia una vaccinazione a tappeto per arrivare ad un’immunità di gregge

 

Una frase che la rappresenta

Nella vita c’è sempre da imparare e comunque, oltre alla salute e alla famiglia, la vera amicizia è un valore aggiunto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: