Attualità

Piccola, semi abbandonata, ma piena di sorprese

Vi stiamo parlando di Murialdo (Moriaodo in ligure) che è un bel comune di 842 abitanti della provincia di Savona. La sede comunale è ubicata presso la borgata di Piano. Ampia e variegata la sua geografia trovandosi ai confini con la provincia di Cuneo e quindi con il Piemonte, e formata unicamente dalle diverse e numerose borgate: Almarossa, Altivo, Azzini, Brigneta, Conradi, Costa (dove si trova il castello), Ferriera Nuova, Grassi, Isolagrande, Isoletta, Massimina, Odelle, Pallareto, Pastori, Poggi, Piano (sede comunale), Piani, Piavata, Poggi, Ponte (sede della parrocchia di San Lorenzo), Valle (sede della parrocchia di Sant’Antonio Abate) e Riofreddo per una superficie territoriale di 39,22 km². L’intero territorio è dominato dal monte Camulera alto 1.224 m. Nel territorio murialdese diffuse erano sin dal MedioEvo le attività legate all’estrazione mineraria: a Riofreddo vi era una miniera di grafite, mentre a Pastori furono le estrazioni di rame, solfuri, argento ed oro le principali attività, ora non più attive da oltre un secolo. Murialdo confina a nord con i comuni di Millesimo, Roccavignale, Castelnuovo di Ceva (CN) e Priero (CN), a sud con Calizzano, ad ovest con Perlo (CN) e Massimino, ad est con Millesimo e Osiglia. Dista circa 43 km ad ovest di Savona e 92 km ad ovest di Genova. Attraverso il Colle dei Giovetti (912 m s.l.m.), ai confini amministrativi con Calizzano, è possibile il collegamento con la val Tanaro e Massimino. Storia Forse già presente in epoca preromana, Murialdo fu un antico possedimento dei monaci Benedettini dell’abbazia di Santa Maria di Castiglione di Parma, possedimento confermato nel 1032 con il diploma del marchese Adalberto degli Obertenghi. Proprietà quindi degli Aleramici, quest’ultimi lo compresero nella loro marca aleramica nel X secolo. Nel 1091 appartenne a Bonifacio del Vasto e, alla morte di questi, passò nelle mani del figlio Anselmo del Marchesato di Ceva. Nel 1347 entrò a far parte nei domini feudali dei Del Carretto del Marchesato di Finale, che ingrandirono il già presente castello. Nel corso della guerra del Finale, nel XV secolo, gli abitanti di Murialdo ottennero benefici e privilegi dal marchese Galeotto Del Carretto per la fedeltà prestata alla causa carrettesca. Il 21 aprile 1434 gli uomini di Murialdo furono convocati dal nunzio pubblico del luogo per concordare col marchese di Finale, Galeotto Del Carretto, un documento di convenzione che concesse loro numerosi diritti ed esenzioni. Murialdo nel 1445 visse uno dei suoi momenti migliori con la ricostruzione della nuova chiesa parrocchiale; di contro, si attirarono le ire del vicino borgo di Calizzano che, alleato fedele della Repubblica di Genova, lo saccheggiò per vendetta. Il doge di Genova Giano Fregoso ricordò in un suo scritto quanto il luogo di Murialdo sia stato ostile: La diffidenza verso il marchese Marco di Calizzano, però, prevalse e Murialdo restò al sicuro. Dopo un lungo peregrinare, nel 1450 giunse a Saliceto il marchese Giovanni Del Carretto. Giovanni portò con sé le genti di Murialdo e il 20 dicembre 1450 travolgeranno le difese genovesi. Il doge aveva visto giusto nell’indicare Murialdo quale via di intervento verso il Finale e Galeotto aveva ben operato concedendo diritti e privilegi a questa gente che aveva onorato il giuramento aiutando Giovanni a riconquistare il feudo. Nel XVII secolo la comunità di Murialdo conobbe una nuova fase di prosperità legata all’attività delle ferriere. Tracce degli scontri delle truppe napoleoniche, avvenute in val Bormida nel 1796, sono ancora oggi visibili in alcune trincee presso la località di San Giovanni. Con la dominazione francese il territorio di Murialdo rientrò dal 2 dicembre 1797 nel Dipartimento del Letimbro, con capoluogo Savona, all’interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile 1798 con i nuovi ordinamenti francesi, fece parte del X Cantone, capoluogo Calizzano, della Giurisdizione delle Arene Candide e dal 1803 centro principale del V Cantone delle Arene Candide nella Giurisdizione di Colombo. Annesso al Primo Impero francese dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento di Montenotte. Nel 1815 Murialdo fu inglobato nel Regno di Sardegna, così come stabilì il Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d’Italia dal 1861. Dal 1859 al 1927 il territorio fu compreso nel II mandamento di Millesimo del Circondario di Savona facente parte della Provincia di Genova; nel 1927 anche il territorio comunale murialdese passò sotto la neo costituita Provincia di Savona. Dal 1973 al 30 aprile 2011 ha fatto parte della Comunità Montana Alta Val Bormida, quest’ultima soppressa con la Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010 e in vigore dal 1º maggio 2011. Tra le tante leggende che circondano la vita secolare del borgo si narra che un giorno d’estate dodici coppie di fidanzati si sposarono nel paese; come da tradizione, la novella sposa doveva trascorrere la sua prima notte di nozze con il Marchese Aldo Del Carretto, che regnava sul paese. Nessun uomo protestò e lasciò che la moglie passasse la sua prima notte di nozze con l’uomo, tranne l’ultimo sposo, il dodicesimo, che non voleva che sua moglie trascorresse una notte con lui. Quest’uomo, in preda alla gelosia, irruppe nel Castello dei Del Carretto e, raggiunta la stanza di Aldo, alzò il coltello in aria e urlò “Muori Aldo!” prima di ucciderlo. SI dice infatti che il nome del paese, Murialdo, derivi proprio da questa frase, conosciuta ormai da tutti i Murialdesi. In Murialdo sono presenti e preservati due siti di interesse comunitario, proposti dalla rete Natura 2000 della Liguria, per il particolare interesse naturale, faunistico e geologico. Il primo sito – condiviso con Roccavignale – è collocato nell’area boschiva della Croce della Tia e del rio Barchei, ai confini con il Piemonte, in cui insistono faggete (Fagus sylvatica) e formazioni miste di latifoglie; tra le particolarità di quest’area figura l’uva ursina (Arctostaphylos uva-ursi), molto rara in Liguria. Il secondo – condiviso con Calizzano e Massimino – è collocato nell’area boschiva del Bric Zerbì e zone adiacenti in cui insistono faggete e castagneti. Oltre ad alcune specie di orchidee, sono segnalate in questa area la calta palustre (Caltha palustris) e l’aquilegia scura (Aquilegia atrata). Tra le specie animali il pesce sanguinerola (Phoxinus phoxinus) e i rapaci sparviero (Accipiter nisus) e falco pecchiaiolo (Pernis apivorus). Anche la Cultura trova spazio in vari punti : il Museo storico “C’era una volta”, in borgata Riofreddo, allestito nel 2002.Il Centro Espositivo “Wilderness” presso l’edificio comunale in borgata Piano. Il Centro d’arte “Romeo Drago”, allestito privatamente in una cascina del XVI secolo, ospita mostre contemporanee. Tra gli eventi tradizionali : la Festa patronale di San Lorenzo, il 10 agosto; la Festa di San Rocco il 14, 15 e 16 agosto, nella borgata di Valle, organizzata dall’Associazione “Amici di Valle”.; la Sagra della fragola, la terza domenica di giugno;la Sagra del coniglio, la seconda domenica di luglio;la Mostra del libro antico e rassegna di pubblicazioni sulla val Bormida, la prima settimana di settembre; la Castagnata, l’ultima domenica di ottobre. Dopo circa 15 anni di pausa, nel 2014 è stato infine riproposto il Palio delle Borgate. In questa manifestazione le varie borgate murialdesi si sfidano in tradizionali giochi, quali staffette, giochi di intelligenza, prove di forza, come la corsa con i secchi (prova in cui tre uomini e tre donne devono trasportare dei secchi pieni d’acqua appesi ad un bastone poggiato sulle spalle lungo un percorso ricco di ostacoli), gare di Pidro (gioco di carte murialdese). Le borgate sono sette ed ognuna è distinta da due colori, qui vengono elencate in ordine (arrivando da Millesimo e andando verso Bardineto e Calizzano): i Piani, bianco e blu; la Piavata, verde e azzurro; il Piano, arancione e nero; il Ponte, rosa e nero; i Bonetti, rosso e verde; Valle, azzurro e giallo; Isolagrande, rosso e giallo. I vincitori dell’edizione 2014 sono stati i Piani, seguiti dalla Piavata, dal Piano, dai Bonetti, dal Ponte e da Isolagrande a pari merito e infine da Valle. Persone legate a Murialdo : Augusto Bonetti (Murialdo, 1835 – Costantinopoli, 1904), arcivescovo cattolico di Palmira, Delegato Apostolico in Costantinopoli per gli Orientali e Vicario Patriarcale per i Latini. L’economia locale basa la sua principale attività economica sull’agricoltura, grazie alla coltivazione di patate, pesche e raccolta di castagne e funghi. Nella zona sono presenti piccole aziende locali dedite alla lavorazione del legno (maggiormente segherie) e cartiere costituendo le uniche risorse industriali del paese. Murialdo è gemellata con Schweich, dal 1994. Tra gli sport troviamo : la società calcistica Calcio Murialdo fondata nel 1988, attualmente militante nel campionato di Seconda Categoria del girone di Savona. A Murialdo è inoltre presente una squadra di pantalera, formata sia da uomini murialdesi che da altri valbormidesi provenienti da comuni limitrofi, di tutte le età. La squadra è in C2, ma è stata anche in C1. Il campo si trova all’interno del campo da Calcio. “Vietato passare o sostare sotto i carichi sospesi”. Quattro anni dopo il crollo del tetto, un pannello arrugginito continua a urlare le regole della prudenza aziendale mentre una piramide di putrelle spezzate e di lastre di amianto si apre all’azzurro del cielo e all’allegria fuori luogo di grilli e cicale. Vi stiamo parlando di quella che sino al 2012 era la cartiera di Bormida che dava lavoro a 50 persone e ad altre 50 con l’indotto. Dopo che è fallita, nel 2012, è iniziato l’assedio degli elementi, come se la più grande macchia verde d’Europa, quella appunto della Valbormida, volesse cancellare o ingoiare la carcassa della fabbrica. Nel 2014 la neve ha schiantato il tetto e due anni dopo il fiume in piena ha invaso il capannone lasciando sul pavimento un greto sabbioso disseminato di detriti. Mentre il vento suona come un organo i rottami del tetto, dozzine di pesci in uno stagno fra le strutture di cemento che sostenevano le enormi macchine della cartiera. Si facevamo scatole da imballaggio per gli alimentari, ma dato che l’acqua non veniva rinnovata, la carta dopo un po’ ha cominciato a puzzare e così, i clienti migliori, Barilla, Ferrero, Agnesi, hanno iniziato a contestare il prodotto sinché non lo hanno più voluto”. Oggi lungo la strada che costeggia il fiume Bormida da Murialdo sino a Millesimo, la scritta “vendesi” ricorre su dozzine di case, vecchie e nuove. È il risultato dello spopolamento dopo l’industria è venuta infatti meno anche l’agricoltura di sussistenza. Quasi metà delle case sono in vendita perché i proprietari non ce la fanno a pagare le tasse. Sono rimasti 830 abitanti, la metà dal Dopoguerra. Anche perché la gente abbandona le borgate periferiche dove è diventato difficile accedere con la neve e il maltempo” .Da Pallareto, una delle 28 borgate di Murialdo, una telecamera inquadra il ponte sul Bormida divelto dall’alluvione e da una montagna di detriti che ha agito come un ariete. Se si chiede al Sindaco se le case in vendita trovino acquirenti risponde così: “Pochissimi ma sono venuti anche dal Belgio e dalla Svezia : un belga si è ha comprato una casa con 5mila euro. Gli costa più il viaggio che la casa, ma lui ama questa campagna”. Ma che fine hanno fatto gli operai della cartiera? “I più fortunati avevano la moglie con un lavoro, ma chi ha più di 45 anni non trova nulla.I fratelli Roascio hanno lavorato alla cartiera da 15 a 18 anni e si son trovati entrambi disoccupati con famiglia carico. Oggi tagliano e vendono legna ma è una risorsa minima. Si parla di sopravvivenza, non di vita”. Murialdo attualmente fa parte dell’Area di crisi complessa, cioè di quel piano di sussidi di Stato che dovrebbero risollevare la provincia di Savona, la più depressa del Nord. “Forse c’è qualche spiraglio. Il pastificio La Ginestra di Millesimo è in trattative per venire qui a produrre pasta fresca. Cerca un sito con l’aria buona, senza inquinamento e qui l’acqua è la così buona che potremmo berla senza filtri . Darebbe lavoro a 15/20 persone e avrebbe un impatto positivo anche sull’agricoltura, perché per fare della pasta ripiena occorrono prodotti agricoli, il che consentirebbe di recuperare alcune delle terre incolte”.
Non c’è invece nessun pretendente per l’enorme carcassa della cartiera: “Territorio ed energia, una ditta di Millesimo voleva rilevare il capannone per produrre pellet, ma alcuni carotaggi hanno rivelato degli scarti di lavorazione in plastica interrati negli anni 60, quando non c’erano le leggi di oggi. A quel punto il curatore fallimentare ha chiesto all’acquirente una fideiussione di 900mila euro e l’impegno a bonificare l’area, così l’acquisto è andato in fumo. La cosa grave è che le istituzioni qui hanno fatto solo passerella”.Ma cosa facciano con i giovani di Murialdo?.“Una quindicina dai 20 ai 25 anni sono andati a fare la stagione i nei ranch australiani, per sei mesi”. In Italia li chiamerebbero “migranti economici“.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: