Attualità

Rilancio del Santuario e della Valle del Letimbro, un’altra occasione persa o ci sono margini per recuperare?

“Dopo mesi di silenzio dovuto a una pandemia da Covid-19 che per alcuni aspetti ha cambiato le nostre vite, i nostri comportamenti ma credo non abbia modificato il nostro modo di pensare e di affrontare le problematiche che ogni giorno abbiamo di fronte, voglio tornare sull’argomento relativo a tutta la Valle del Santuario perchè siamo venuti a conoscenza di un argomento, che deve trovare l’attenzione di tutti in quanto si interseca con forza nelle argomentazioni che negli ultimi anni, come Associazione “U.S. Letimbro A.S.D.” abbiamo posto per un percorso che aiuti a rilanciare il Santuario e tutta la valle del Letimbro. Zona periferica che continua a non vedere risposte come luogo di attrazione turistica, culturale, religiosa e di valorizzazione del paesaggio.

Tutta la questione nasce, come ampiamente sottolineato nei giorni scorsi dalla stampa locale, da un progetto ambizioso e fortemente attrattivo, che coinvolge la città di Savona e le nostre zone interne.

Il progetto si chiama “ALTRAVIA” che attraverso un percorso di 9 tappe con partenza da Torino per 206 Km che coinvolge 2 Regioni, 4 Provincie e 48 comuni da percorrere a piedi o in bicicletta unisce diversi territori, città e borghi, coltivazioni, boschi a molti anche sconosciuti.

Un modo questo per valorizzare le zone rurali.

Il progetto ci interessa da vicino perchè le ultime 2 tappe di questo percorso (in particolare l’ultima Altare-Savona) si sviluppava sul territorio del nostro Comune e passando da Cadibona percorrendo tutta l’alta Valle del Letimbro sfociava fino al Santuario proseguendo per San Bernardo e inoltrarsi nella zona di Ciantagalletto.

Qui nasce il problema di cui siamo venuti a conoscenza come Associazione:

gli organizzatori del progetto hanno richiesto a tutti i Comuni interessati la certificazione per iscrivere il loro percorso nell’elenco di quelli ufficiali e per esserne in possesso devono presentare tutte le mappe catastali delle vie percorse. I 47 Comuni approvano tutta la documentazione ma quello di Savona è un NO.

La causa che ci viene segnalata è che la viabilità ad uso pubblico che collega Cadibona al Santuario è chiusa da due anni. Infatti, le strade vicinali via Garbasso e via Isola sono chiuse al traffico nel punto in cui insiste un guado abusivo sul Letimbro costruito negli anni ’90 che dovrà essere demolito.

I residenti locali stanno cercando di risolvere il problema ed hanno incaricato un professionista per preparare il progetto di un ponte carrabile chiedendo l’intervento dell’Amministrazione Comunale di Savona, per restituire vita ad una viabilità essenziale non solo per chi vive e risiede in quella zona, ma anche per tutti coloro che desiderano vivere una esperienza turistica e ricreativa in un Sito di Interesse Comunitario.

Di fronte a questa situazione gli organizzatori del progetto hanno dovuto cambiare il percorso tagliando di fatto tutta la Valle del Santuario passando invece per Cairo Montenotte e il Parco dell’Adelasia, senza nulla togliere a quelle zone.

Noi come Associazione, dopo aver parlato con gli abitanti di quella zona e i loro rappresentanti, ci sentiamo coinvolti in questa battaglia facendo alcune considerazioni.

Di fronte a un Progetto di questa natura che può coinvolgere direttamente la nostra vallata è venuto il momento di accellerare in modo da non perdere questa occasione dell’”ALTRAVIA” importante per tutti noi ma in particolare per i commercianti, gli esercenti e i ristoratori della zona che troverebbero nuova linfa dal passaggio dei viandanti e turisti attratti da una iniziativa che è già stata concretamente avviata, ma ha momentaneamente escluso la nostra zona. Serve da subito questo ponte per tornare al percorso pensato originariamente e inaugurare una nuova forma di “turismo del futuro” dando una vitalità diversa alla Valle del Santuario per la sopravvivenza futura, in particolare dopo la tragedia che stiamo vivendo del Covid e le conseguenze devastanti dal lato economico che ci portiamo dietro.

Lo diciamo con chiarezza, questa occasione non possiamo farcela sfuggire e l’attuale Amministrazione Comunale non può e non deve fare finta di nulla.

Logicamente noi siamo molto preoccupati perchè da questa vicenda che ci è stata segnalata con forza emerge che questa Amministrazione Comunale rispetto a queste tematiche, dopo le grandi enunciazioni di facciata degli ultimi anni non ha dato una sola soluzione al rilancio delle periferie, tantomeno alla nostra.

Lo ribadisco : ci mettiamo in testa che ci vuole un progetto complessivo e una visione più ampia di rilancio che tocchi alcuni temi fondamentali di cui ha bisogno una comunità per sentirsi partecipe e quindi coinvolta su degli obiettivi concreti volti alla tutela del paesaggio, la cura delle nostre strade di collegamento, il decoro urbano, il sostegno alle nostre attività commerciali, oggi vitali, che rischiano di sentirsi isolate in questo contesto (come ci si porrà alla fine, speriamo presto, di questa pandemia se non ci saranno progetti di rilancio concreti per territori come il nostro oggi lasciati ai margini). Perché la Valle del Letimbro rimanga in piedi ci vuole un intreccio sinergico e continuo con queste realtà facendo girare l’economia attraverso impegni concreti.

Il cambiamento dobbiamo determinarlo tutti insieme facendo quadrato e proponendo soluzioni.

Una cosa è certa : il prossimo Autunno andremo alla tornata elettorale per il rinnovo dell’Amministrazione Comunale di Savona.

E’ il momento che ognuno si ponga con serietà il problema di come rilanciare e rafforzare le nostre vallate, i nostri borghi e sostenere le potenzialità che emergono senza fare inutili passerelle e poi sparire nel nulla.

Dei problemi concreti del Santuario e della Valle del Letimbro la nostra Associazione ne è giornalmente testimone diretta e li ha portati a conoscenza senza tentennamenti facendo anche proposte concrete. Non ultimo la vicenda del progetto “ALTRAVIA” appena descritto di cui ci siamo fatti carico grazie alla determinazione di un gruppo di privati e sul quale chiederemo, insieme ai rappresentanti degli abitanti della zona interessata, nei prossimi giorni delucidazioni all’Amministrazione Comunale attraverso una richiesta d’incontro con il Sindaco, l’Assessore all’Urbanistica e ai Lavori Pubblici.

Incontro in cui dovranno emergere impegni concreti e veloci per recuperare una vicenda e dare un segnale concreto a chi propone queste iniziative che aiutano di riflesso a rilanciare la nostra zona.

Ora credo che serva uno scatto d’orgoglio, un salto di qualità, una virata concreta da parte di chi oggi è preposto a trovare delle soluzioni, quindi chi amministra il nostro territorio.

Il momento è drammatico per via del Covid e lo sarà ancora per molto ma siamo ancora in tempo per rialzarci se ne saremo capaci e guardare al futuro con ottimismo.

L’economia deve ripartire e nessuno deve rimanere indietro partendo proprio dal rilancio dei territori.

Tutto dipende da noi e da chi ci darà una mano a dare una forma alle nostre idee.”

Ezio Alpino

Presidente Associazione “U.S. Letimbro A.S.D.”

Savona-Santuario

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: