Attualità

Cinquantacinque anni senza Gilberto Govi

Tirava vento e cadeva una pioggia gelida quella mattina del 28 aprile 1966 quando Genova, e poi il Paese, seppe della scomparsa di Gilberto Govi, il fondatore della commedia genovese. Da quel giorno tutti gli amanti del teatro sarebbero stati privati di quel Genio che osservavamo con i suoi occhioni vispi e la pronuncia genovese inimitabile. E fa quasi rabbia, in un mondo dove vengono ricordati personaggi di ogni spessore che Genova si sia dimenticata di questo suo grande concittadino ,e non si prenda il Covid come alibi.

Gilberto Govi era nato nel 1885  nel quartiere di Oregina Lagaccio da Anselmo, funzionario delle Ferrovie di origine modenese e Francesca Gardini, bolognese. Il nome Gilberto fu preso in riconoscenza dello zio paterno che amava il teatro. E quindi non fu dato a casa considerato che nel 1897 ci fu il debutto nella Filodrammatica. Nel 1911 Govi conobbe la donna della sua vita, Rina Gaioni che sposerà nel 1917 e che sarà sempre con lui in scena. La popolarità di Govi avvenne nel 1927 con il debutto in teatro di I manezzi pe maia’ ma figgia, a cui seguiranno altri due capolavori, Pignasecca e Pignaverde e Colpi di timone. Nel 1927 Govi diventa una star in Sudamerica dove lo aspettano, soprattutto in Argentina, tanti emigranti liguri. Terminata la guerra, con i bombardamenti che avevano distrutto la sua casa, Govi proverà, senza successo, la via del cinema prima di concedersi, nel tramonto della sua carriera, alla giovane TV che farà conoscere la sua arte in tutta Italia.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: