Attualità

L’Università di Firenze studia il ripascimento alassino

La  rottura di una benna a bordo della Gino Cucco ha interrotto i lavori di prelevamento delle sabbie.

“E’ già in arrivo la nuova benna – spiegano dalla piattaforma che in queste settimane è diventata parte del paesaggio della Baia del Sole – e domani saremo di nuovo operativi”

Nel frattempo i lavori di ripascimento della spiaggia di Alassio sono seguiti con molta attenzione, non solo dai cittadini, che tutti i giorni si affacciano sul lungomare per vedere di quanto è cresciuta la spiaggia, ma anche da un gruppo di studenti di Geologia dell’Università di Firenze che frequentano il corso di Dinamica e Difesa dei litorali.

All’inizio di ogni lezione, grazie ad Internet, hanno modo di vedere in tempo reale la draga Gino Cucco che preleva la sabbia fra il porto e l’Isola Gallinara e poi la spinge con le tubazioni fino sulla spiaggia.

A volte guardano i lavori dal drone che fa la spola fra la nave e le ruspe che spianano i cumuli, altre volte passeggiano virtualmente sul lungomare con il direttore dei lavori osservando i lavori di ripristino del litorale sia nella sua parte emersa, sia nel sommerso: un intervento mirato alla ricostituzione non già solo della profondità ma anche e soprattutto dello spessore della spiaggia alassina.

“Frequentare un corso del genere, senza poter andare sulla spiaggia e nei cantieri – il commento  del Prof. Enzo Pranzini, titolare della cattedra di Dinamica e Difesa dei Litorali dell’Università di Firenze, e nello staff tecnico del progetto di ripascimento strutturale in atto ad Alassio – come hanno potuto fare gli studenti degli anni precedenti, non è il massimo che si potessero aspettare, ma aver la possibilità di discutere i vari aspetti del progetto con il docente, che è uno dei progettisti, e fare delle esercitazioni per comprendere le dinamiche della sabbia, non è cosa da poco!”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: