AttualitàPolitica

Savona: la Giunta vara il progetto di bilancio dell’anno 2021.

comune di savona
Da un segno negativo di 14 milioni dell’anno 2016 a un segno positivo di 16.1 milioni di fine 2020,  con un recupero di circa 30 milioni di liquidità per le casse comunali.
“Anche quest’anno si può affermare che il PIANO DI RISANAMENTO messo in atto continua a far sentire i propri effetti, ma occorre ancora mantenere la massima prudenza e tenere abbottonata la spesa per poter uscire quanto prima da questo vincolo.” A  renderlo noto la Giunta Comunale di Savona  in merito al varare del progetto di bilancio dell’anno 2021.
Il primo indicatore positivo riguarda la cassa che passa da un segno negativo di 14 milioni dell’anno 2016 a un segno positivo di 16.1 milioni di fine 2020, quindi con un recupero di circa 30 milioni di liquidità.
A seguito di un costante e continuo monitoraggio della spesa, un’attenzione alle entrate, con particolare riguardo al recupero di chi costantemente non onora il pagamento, a discapito di chi paga regolarmente, non è stato necessario effettuare significativi aumenti delle tariffe.
Anche per quanto riguarda la TARI dell’anno 2021, la cui delibera verrà sottoposta all’esame degli organi nel mese di giugno 2021, si ritiene non opportuno provvedere ad aumenti, fatti salvi gli indicatori che prevede l’Autorità; nella predisposizione della tariffa 2021 si dovrà tenere conto dell’emergenza COVID sia per le fasce più deboli sia per le attività che maggiormente stanno soffrendo della crisi pandemica.
Terminata la prima fase di revisione del bilancio a cura dei Revisori, si potrà elencare con miglior precisione la disponibilità di spesa per ogni settore, ma si può anticipare che tutti i principali servizi non subiranno diminuzioni, in particolare il SETTORE SOCIALE ove, già dall’anno 2020 erano stati adeguatamente integrati, secondo la necessità e richiesta, tutti i capitoli di spesa, ma in previsione di una maggiore richiesta di necessità si è provveduto, anche per l’anno 2021 ad aumentare la spesa ove necessario e comunque confermati le precedenti storiche previsioni; in particolare è stata incrementata la possibilità di spesa per le persone svantaggiate e i minori in affido, pertanto al sociale vengono destinati euro 2.719.000.
Sono stati altresì allocati a bilancio euro 1.686.955 quale accantonamento per emergenze COVID che dovrà garantire i maggiori costi e le minori entrate derivanti dalla grave epidemia pandemica; la somma verrà destinata in corso d’anno in ragione dell’andamento epidemico e le sue conseguenze.
Il totale delle entrate correnti si attesta a 60.8 milioni, di cui le principale entrate sono attribuibili all’addizionale Irpef per 6.9 milioni (7.2 nel 2020), Imu 18.1 milioni, Tari 18.1 milioni, violazioni al Codice della strada 1.8 milioni e recupero evasione 3.1 milioni
Il totale della spesa corrente è di 58.1 milioni a cui vanno sommati 4.5 per fondo svalutazione crediti e 1.4 per il piano decennale di riequilibrio.
Le spese principali a carico del bilancio sono:
Ambiente 15.1 milioni con un aumento significativo per la raccolta speciale ai soggetti Covid.
Promozione sociale 2.7 milioni (2.4 del 2019) a cui vanno sommati 1.8 milioni di fondi vincolati.
Attività educativa 2.1 milioni (1.2 nel 2020).
Personale 13.9 milioni (13.2 nel 2020).
Lavori pubblici e manutenzioni 2.0 milioni.
Interessi passivi 3.7 milioni di cui 1.1 milioni per operazione derivati e 1.1 milioni rimborso prestito obbligazionario e 1.3 milioni per interessi sui mutui.
Restituzione rate mutui 3.7 milioni.
Nonostante quindi la Pandemia, che ha comportato maggiori spese e minori entrate, l’enorme lavoro per rimettere a posto i conti del Comune prosegue, consentendo comunque un incremento di risorse nel settore sociale per sostenere le persone maggiormente in difficoltà.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: