Attualità

Regione: programmi di rigenerazione urbana

Novità di notevole respiro, a quanto pare,  per la riqualificazione dei centri urbani,  dopo che la Giunta regionale ha approvato, su proposta dell’assessore all’Urbanistica Marco Scajola, gli indirizzi per la definizione del programma di rigenerazione urbana regionale. Gli indirizzi normativi della Giunta riguardano i comuni che, dopo aver individuato delle aree degradate, potranno presentare progetti di rigenerazione urbana singolarmente o in forma associata.

Così ha spiegato l’Assessore Scajola: “Sono contento che si sia aggiunto un ulteriore tassello per costruire la Liguria del futuro, più vivibile, più sostenibile e più armonica. Dopo le variazioni introdotte alla legge urbanistica e la definizione del piano territoriale regionale, prosegue il processo di riqualificazione del nostro territorio. I comuni potranno individuare ambiti urbani in condizioni di degrado urbanistico ed edilizio che richiedono interventi di rigenerazione urbana, architettonica, sociale o ambientale  I progetti di intervento, volti a riqualificare ambiti urbani, migliorare la qualità paesaggistica, di vita ed architettonica della nostra Liguria, saranno inseriti nel programma tramite una piattaforma informatica, che sarà operativa dalla primavera del 2022”.

Affinché gli interventi possano essere inseriti nel programma dovranno essere informati ad obiettivi di rigenerazione urbana contemplando i criteri di sostenibilità ambientale, tecnico-urbanistica, culturale ed ambientale, infrastrutturale, turistico-ricettiva e socio-economica. Dovrà essere sempre rispettato, inoltre, il requisito di sostenibilità finanziaria.

“Gli interventi ammissibili a finanziamento – continua Scajola –  possono riguardare aree urbane ed extra-urbane, edifici pubblici o aperti al pubblico. Con la definizione delle linee guida abbiano voluto, inoltre, favorire interventi in tutti i comuni, anche in quelli di dimensioni inferiore, riservando una quota per quelli più piccoli e per le aree interne. Questo per proseguire il processo di valorizzazione del nostro splendido entroterra”.

“La riqualificazione dell’esistente, l’abbellimento delle nostre città e la messa in sicurezza del nostro territorio sono temi centrali; questi interventi, che saranno programmati insieme ai comuni, daranno più forza e un maggiore appeal turistico-culturale alla nostra terra. La Regione Liguria, a livello nazionale, è all’avanguardia nell’adozione di strumenti di riqualificazione e di rigenerazione urbana”.

Lo strumento adottato è importante e rappresenta di sicuro un’opportunità interessante per risolvere finalmente casi anche pluridecennali di situazioni di degrado urbano; sarà la volta buona anche per Savona , area presso il  mercato coperto?  O per Altare, con lo sfregio dell’ex Savam? già esclusa, nel 2015,  da un bando di   livello nazionale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: