Cultura e Musica

Ei fu…duecento anni fa’la morte di Napoleone

Il corso che sconvolse il mondo

Il 5 maggio 1821, nella remota e sperduta isola di Sant’Elena moriva Napoleone Bonaparte, il corso che aveva sconvolto il mondo. Nato ad Ajaccio il 15 agosto 1769, non ha ancora compiuto cinquantadue anni e, nella sua breve vita, è stato tutto…

“Ei fu!” Come è sempre attuale e significativo il breve, indimenticato ed indimenticabile inizio del “5 Maggio” di Manzoni; è stato anche il titolo dell’interessante trasmissione di Rai Storia della sera del 4 maggio; un “incipit” che ricorda e può essere messo in parallelo con i due accordi brevi, secchi e tonanti che iniziano il primo movimento “Allegro con brio” della Sinfonia n. 3 “Eroica”, di Beethoven, che, nella figura di Napoleone, come si sa, ha un inaggirabile riferimento!

Nessuno come il nostro grande Manzoni seppe cogliere l’essenza del personaggio e vagliarla pure col filtro del Romanticismo perchè Napoleone, asceso dalla temperie rivoluzionaria, è figlio del suo tempo: il periodo iniziale degli entusiasmi romantici; l’età di Beethoven, dei grandi pittori del sublime come Turner o Friedrich, di Schiller, di Hegel e proprio il grande filosofo tedesco, con il suo famoso accenno al passaggio di Napoleone a cavallo, a Jena, sembra essere testimone della coscienza della Terra di non sapere, sull’ Imperatore,  “quando una simile / orma di piè mortale / la sua cruenta polvere/ a calpestar verrà” per dirla di nuovo coi versi del Manzoni.

Napoleone incarna, più di altri, più di tutti, le contraddizioni e la complessità dell’inizio dell’Età moderna e rimane un enigma: Napoleone è un liberatore o un tiranno, un rivoluzionario od un despota, è chi ha sparso il seme della libertà, come è stato spesso detto, od un dittatore, Napoleone è Bruto od è Cesare? L’enigma di Napoleone è l’enigma della Rivoluzione francese se non di tutte le Rivoluzioni! Undici anni dopo che la Convenzione nazionale, nel 1793, ha deciso di condannare a morte Luigi XVI, dopo aver proclamato la Repubblica nel settembre 1792, nel 1804, per volere di Bonaparte, la Francia è di nuovo una Monarchia ed una Monarchia non da poco, che coltiva sogni imperiali e sembra guardare addirittura a Carlo Magno…

Ma il filosofo ungherese Lukàcs aveva suggerito una chiave di lettura interessante considerendo proprio il punto di vista di Hegel, secondo il quale, dopo la grande crisi mondiale della Rivoluzione francese, sarebbe stata in fase di sorgere, col regime napoleonico, una nuova età del mondo…

François-Renè de Chateaubriand (1768 -1848), uno dei più grandi scrittori francesi, anima del Romanticismo francese, “monarchico per tradizione, legittimista per onore, aristocratico per costumi, repubblicano per buon senso“,  come  definiva se stesso, sebbene Napoleone avesse detto, a seguito di un suo articolo sul “Mercure de France”, che doveva essere preso a sciabolate sulla scalinata delle Tuileries, ebbe per l’imperatore un atteggiamento a volte apologetico e gli dedicò una biografia, a metà fra la Storia e la Letteratura,  in cui  l’imperatore francese rimane l’uomo “arido di ardente fantasia, impaziente nella volontà, incompleto e incompiuto” eppure “l’ultima delle grandi esistenze individuali.”

Napoleone al di là del bene e del male? Avventuriero ed eroe insieme, incarna la personalità  che si può permettere di commettere un delitto perchè a lui spetta, più che ad altri,di giudicare se ciò può essere giusto; sono i pensieri che passano per la mente di Raskolnikov, il protagonista di “Delitto e castigo” di Dostoevskij – a proposito, quest’anno ricorrono i duecento anni dalla nascita anche del grande scrittore russo -, che così si legittima dall’aver assassinato l’usuraia Alyona Ivanovna….e così pensando, come Napoleone si insinui nell’animo umano, continuiamo a lasciare “ai posteri l’ardua sentenza“!

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: