AttualitàCultura e MusicaCuriosando qua e làDal Pensiero alla Penna

MAGGIO: IL MESE DELLA FERTILITA’

Le opinioni di Vincenzo Punzo

Vincenzo Punzo, membro del Movimento del Cursillo di Cristianità della Diocesi di Savona e Noli

Pubblichiamo di seguito una riflessione del noto opinionista Vincenzo Punzo.

Vincenzo Punzo, membro del Movimento del Cursillo di Cristianità della Diocesi di Savona e Noli

***********************

MAGGIO: IL MESE DELLA FERTILITA’

 

Volendo esprimere un pensiero sui mesi dell’anno, senza dubbio direi che il mese di maggio riveste un’importanza particolare.

Maggio nasce a cavallo delle due tempora: primavera-estate, per la sua posizione posta nel calendario solare è anche il mese della fertilità di madre natura; con il suo clima primaverile infatti ha il compito di curare i fiori ed i germogli e di portare a termine i frutti di una feconda produzione, sia nell’agricoltura che nella zootecnia. E’ anche il mese in cui programmare la stagione turistica per coloro che sono pronti per le ferie.

Parlare delle attitudini del mese di maggio è complesso, si va dalle cose belle a quelle ancora più belle. Maggio per tradizione è pieno di festività popolari, religiose e civili, il 1° maggio è la festa dei lavoratori e quello stesso giorno viene ricordato col titolo di lavoratore S. Giuseppe il falegname di Nazareth patrone degli artigiani.

In primis il mese di maggio è il mese dedicato alla Madonna e a tutte le mamme. Vorrei raccontare  un aneddoto che riguarda S.S. Papa Giovanni Paolo II, sin da piccolo rimase orfano di mamma, suo padre per consolarlo lo portò al santuario della Madonna Nera e gli disse: “da oggi questa Madonna è la tua Madre celeste”. Non sappiamo quanto il piccolo Wojtyla avesse capito, ma da quel giorno fino alla morte pregò sempre quella Madonna nera trasmettendo l’amore che ha serbato per tutti noi. Questo vuol essere un omaggio per quanti hanno ancora la madre biologica, ma più in generale un omaggio per tutte le mamme.

Spesso anche la musica ha testimoniato l’ amore verso la figura della Madonna, cito il canto religioso Santa Maria del Cammino, e verso la figura della mamma, cito il canto popolare intitolato appunto “Mamma” scritto dal paroliere Bixio Cherubini interpretato dal popolare cantante Beniamino Gigli. Come non ricordare infatti alcune frasi di questa canzone, che ha risuonato a lungo tra le mura domestiche delle nostre città e dei nostri paesi: “Mamma, ma la canzone mia più bella sei tu, sei tu la vita e per la vita non ti lascio mai più”.

Quindi sono molteplici le correlazioni che ci uniscono nel mese di maggio, ma due in particolare: il voler più bene alle nostre mamme e il non dimenticare la nostra mamma celeste.

Vincenzo Punzo

 

Savona, 7 maggio 2021

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: