Attualità

Siglato protocollo d’intesa tra regione, Università e Confindustria per la programmazione dei dottorati

E’stato firmato, alla presenza dell’assessore Ilaria Cavo in rappresentanza della regione, del Rettore Federico Delfino per l’Università di Genova e del vicepresidente di Confindustria Genova Sandro Scarrone, il protocollo d’intesa finalizzato ad una programmazione dei dottorati condivisa con le aziende.

“Ringrazio i presenti dicendo che è la prima volta che regione, università e industrie si trovano insieme per la programmazione di dottorati aggiuntivi e innovativi”, dichiara Ilaria Cavo, assessore regionale all’università, “e ogni soggetto ha un compito specifico affinchè vengano date agli studenti risposte soddisfacenti. Questo è un giorno importante per l’alta formazione e l’accordo ha in sè l’idea di formare per occupare attraverso fondi regionali e risorse del PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza); verranno destinate risorse nei settori in cui le aziende avranno bisogno e Confindustria ci aiuterà a capire le esigenze aziendali affinchè si possano realizzare dottorati in collaborazione tra università e aziende. Verranno impegnate nel progetto anche risorse derivanti dal Fondo Sociale Europeo e cosa si realizza oggi è un’importante risposta al precariato poichè si creano posti di lavoro che non ci sarebbero; Confindustria farà un’analisi dei fabbisogni e la regione interverrà se altri non arrivano. Il numero dei posti per i dottorati è di circa 15 ma possono aumentare in base alle risorse; il progetto prevede una parte di dottorato in azienda nei settori tecnologici specifici che tracciano una strada chiara”.

Stessa soddisfazione da parte di Federico Delfino, rettore dell’Università di Genova :”Rivolgo un sincero grazie alla regione e a Confindustria ricordando che l’università ha un’importante tradizione in merito ai dottorati portando maggiore competitività; le aree coinvolte riguardano diversi settori tra cui la tecnologia, le scienze sociali e umanistiche. L’università tratta molti temi e l’accordo è stato promosso per arrivare a maggiori sbocchi lavorativi; il dialogo con gli altri due soggetti coinvolti è costruttivo e gli studenti porteranno all’interno delle aziende vivacità ed idee innovative. Le borse saranno messe a bando una volta definite le aree e gli studenti potranno concorrere per vincerle ed iniziare il percorso; riguardo all’occupazione del DISFOR (dipartimento scienze della formazione) voglio dire che ho proposto un incontro e i soggetti coinvolti non hanno accettato. Il dialogo resta l’opzione principale e non ho intenzione di fare sgomberare la facoltà; serve la legalità anche se le attività della facoltà sono compromesse”.

“Sono contento del progetto e ringrazio gli altri due partner dell’accordo, regione e università, per aver accettato il protocollo che ha come obiettivo lo sviluppo delle linee evolutive della società; lo scopo principale è quello di creare posti di lavoro e le aziende cercano giovani creando occupazione qualificata. Il dottorato, della durata di tre anni, vedrà i ragazzi impiegati presso aziende medio-piccole e ha come obiettivo la loro assunzione; occorre fare sistema e l’università dev’essere vicina alle aziende. Questo protocollo strategico ha come metodo l’individuazione delle linee di sviluppo per l’economia che serve per capire i bisogni delle aziende genovesi e liguri; occorre rendere attrattiva la nostra regione dal punto di vista occupazionale anche se lo stato delle infrastrutture può creare problemi perchè mette a rischio i collegamenti. La possibilità di spalmare i cantieri per rendere i luoghi più raggiungibili può essere utile ma occorrono programmi seri e fattibili per il futuro”, conclude Sandro Scarrone, vicepresidente di Confindustria Genova.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: