Economia

Sostegni dalla Regione alla viticoltura ligure

Fondi per novantamila euro per ristrutturazioni e riconversioni

In questo giorno di Sant’Isidoro, Protettore degli agricoltori e dei braccianti,  già ricordato nella nostra rubrica dedicata al santo del Giorno, è di buon auspicio  riferire che ieri, come veniva specificato in una nota di Alessandro Piana, Assessore regionale all’Agricoltura e Vice Presidente della Regione,  sono state approvate dalla Giunta le disposizioni regionali attuative della misura OCM (organizzazione comune di mercato) ‘Ristrutturazione e riconversione dei vigneti’ prevedendo per la Liguria valori massimi di contributo pari a 3.000 euro ad ettaro per la compensazione delle perdite di reddito in caso di estirpazione di un vecchio vigneto e di 16mila euro per i costi di ristrutturazione e riconversione, nel limite del 50% dei costi effettivamente sostenuti e nel rispetto del prezzario regionale. Per alcune zone viticole l’importo per ettaro viene elevato sino ad un massimo di 22mila euro. Il  totale dei finanziamenti a disposizione è di circa 90mila euro, incrementabile nel caso di in cui le richieste pervenute sarano particolarmente numerose.

Sarà data la priorità a ristrutturazioni di almeno un ettaro e, per le zone di difficili accesso, saranno ammessi interventi su almeno 2.000 mq.

Il termine per la presentazione delle domande di sostegno è il 31 maggio; per la presentazione della domanda di pagamento il 20 giugno.

Tutte le informazioni sono comunque consultabili su www.agriligurianet.it.

Ricordiamo che la viticoltura ligure è stata, negli anni, sempre più valorizzata e che la produzione di vino, nelle nostra regione, ha avuto un costante incremento anche nelle annate di calo a livello nazionale. E’ pertanto opportuno il sostegno alla nostra produzione viticola.  Ed in piena crisi da pandemia è una buona notizia che sia stato costituito, lo scorso mese di aprile, il Consorzio Colli di Luni, Cinque Terre, Colline di Levanto, il primo a tutela dei vini Dop e Igp della regione Liguria, con l’obiettivo di promuovere, valorizzare e tutelare quattro delle denominazioni vinicole più importanti del territorio, considerate delle vere specialità enologiche, ovvero i marchi: Colli di Luni DOP, Cinque Terre DOP, Colline di Levanto Dop, Liguria di Levante IGP.

Sotto la tutela del nuovo Consorzio, guidato dal presidente Andrea Marcesini e dal direttore Giorgio Baccigalupi, sono riunite 61 aziende vinicole e 498 etichette rappresentate.

Tra i compiti del Consorzio, che ha sede a Sarzana e collaborerà con l’Enoteca Regionale della Liguria,  la valorizzazione del ruolo dei viticoltori e il rafforzamento del turismo enogastronomico nella zona di produzione dei vini, seguendo una tendenza di viaggio in costante crescita negli ultimi anni che speriamo riprenda, passata la crisi che stiamo attaversando.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: