Attualità

Un desiderio chiamato…treno

A più voci la richiesta di alternative alla soppressione dei treni Thello

Il Consiglio Comunale di Alassio, nella seduta dello scorso 14 maggio  ha approvato l’ordine del giorno sulla soppressione dei due treni  Thello che, in coppia,  svolgevano il servizio sui percorsi Milano /Nizza e Marsiglia/Milano; il documento è stato sottoscritto dagli Assessori Franca Giannotta e Rocco Invernizzi a sostegno dell’ impegno dell’Assessore regionale al Turismo ed ai Trasporti per ottenere,  in sostituzione, altrettante corse di Intercity da parte di Trenitalia.  Finora il risultato non è ancora stato raggiunto ed anche le maggiori Rappresentanze sindacali,  Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ferrovieri Fast Mobilità Orsa ferrovie, sulla stessa linea, hanno recentemente preso posizione sottolineando  “che la grave condizione in cui versano le autostrade liguri, e in generale tutto il sistema della viabilità stradale, non può che compromettere pesantemente la ripresa del turismo ligure, in assenza di un’adeguata rete di supporto garantita dal servizio ferroviario a lunga percorrenza”  e mettendo in rilievo che il servizio Intercity “è legato a doppio filo alla qualità del servizio che questa regione fornisce ai suoi turisti: se si perdono treni, si perde personale e con queste premesse è difficile comprendere come si riuscirà ad affrontare la stagione estiva”.

Il Consiglio Comunale di Alassio, in tale contesto, ha visto, nel corso della discussione sull’O.d.G., maggioranza ed opposizione concordi sulle gravissime ripercussioni che comporta per il nostro territorio una riduzione drastica dei servizi offerti da Trenitalia a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19; il Consiglio Comunale ha impegnato il Sindaco e la Giunta ad agire presso le sedi competenti a livello ministeriale affinchè venga rinegoziato con Trenitalia il servizio Long Haul – ovvero a Lungo Raggio – al fine di garantire l’immediato ripristino delle tre coppie di servizi di lunga percorrenza soppressi, oltre all’incremento del servizio ferroviario InterCity tra Milano/Torino e la Riviera di Ponente, soprattutto in previsione della prossima ed auspicata ripresa di mobilità, del turismo e dell’economia in concomitanza con l’avvio della stagione estiva,  con l’intento di gestire la domanda e coordinare l’offerta  e la sostenibilità della domanda di mobilità tra le diverse modalità di trasporto (pubblico e privato, stradale e ferroviario).

Il nostro Circolo sta lavorando su diversi fronti – dichiara Andrea Gervasoni, Presidente del Circolo F.d.I. di Alassio– e le gravi ripercussioni sul turismo della nostra Città e della nostra regione sono fra i temi che più ci stanno a cuore. Siamo alle porte della stagione estiva, che ci auguriamo possa essere affrontata scevra da ogni problematica o quanto meno da quelle che più di tutte incidono in maniera più negativa sullo sviluppo del turismo. L’offerta di collegamenti efficienti e adeguati alle necessità non solo dei turisti, ma anche dei pendolari è sicuramente una delle priorità da soddisfare e il Governo deve dare risposte concrete ai cittadini“.

In queste more continua il dibattito sul raddoppio del percorso ferroviario Andora -Finale;  è stato costituito recentemente un “Gruppo d’informazione Non perdiamo il treno” che si è proposto di analizzare le problematiche inerenti il trasferimento a monte, per gran parte in galleria, di tale tratto ancora a binario unico; alternative ammissibili e consone al moderno traffico ferroviario non sembrano però realistiche e meno onerose. In ogni caso ben venga uno studio più serio e meno emotivo e pretestuoso di certe prese di posizione da parte di taluni comitati contrari!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: