Cultura e Musica

“Manzamà” dei Fratelli Mancuso vince il 17^ Premio Nazionale Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana

È “Manzamà” dei Fratelli Mancuso l’album vincitore del Premio Nazionale Città di Loano per
la Musica Tradizionale Italiana, il più prestigioso riconoscimento per la musica di tradizione in Italia,
assegnato ogni anno alla migliore produzione musicale di ambito folk da una giuria composta da oltre
cinquanta giornalisti specializzati e studiosi. Il Premio Giovani per il miglior disco di musicisti under 35
va invece al “Canzoniere di Pasolini” di Linguamadre (ovvero Duo Bottasso, Elsa Martin e Davide
Ambrogio).
“Il Premio Loano – affermano il sindaco Luigi Pignocca e l’assessore a turismo e cultura Remo
Zaccaria – è una delle manifestazioni più prestigiose e più attese da tutti gli appassionati di musica, non
soltanto quella folk. Non poter ospitare i suoi appuntamenti lo scorso anno ci è dispiaciuto molto. Ora per, nonostante le difficoltà del momento, la nostra città è pronta ad accogliere a braccia aperte le band, i
musicisti, i giornalisti e tutti gli altri protagonisti di questo Premio unico nel suo genere. Vogliamo
ringraziare gli organizzatori e gli uffici comunali coinvolti nella pianificazione di questo evento, che non è
solo un premio musicale, ma una formidabile occasione per far conoscere ad un ampio pubblico le migliori produzioni musicali del nostro Paese”.
L’anno scorso il Premio Loano aveva dovuto fermarsi per l’emergenza sanitaria. Per il 2021 la nuova
edizione – la diciassettesima della rassegna ligure – è invece confermata dal 26 al 30 luglio a Loano. Il
programma è in fase di definizione. “Il Premio Loano ha sempre voluto essere un momento di incontro e
di festa, oltre che l’occasione per fare il punto sullo stato dell’arte della musica tradizionale italiana –
spiegano gli organizzatori – Ora finalmente ripartiamo, nel rispetto delle norme di sicurezza, con la
voglia di tornare a cantare e festeggiare insieme”.
“Manzamà”, uscito per Squilibri lo scorso autunno, segna il ritorno discografico dei fratelli Enzo e
Lorenzo Mancuso (che già erano stati premiati a Loano con il Premio alla Carriera nel 2017) dopo oltre
dieci anni dall’ultimo lavoro edito. È un album che li consacra definitivamente tra i grandi narratori della
loro terra, la Sicilia, la cui memoria e la cui tradizione hanno saputo trasfigurare attraverso la propria
personale sensibilità, in una ricerca musicale originalissima che tiene insieme arrangiamenti classici e
popolari, gli strumenti a corda del Mediterraneo e del vicino oriente con il quartetto d’archi della musica
europea. A “Manzamà” hanno collaborato, tra gli altri, personaggi del calibro di Franco Battiato
(responsabile di alcuni arrangiamenti) Aldo Giordano, Marco Betta, German Diaz, Ferruccio
Spinetti, Arnaldo Vacca, Mario Arcari e Giovanni Sollima.
Nati a Sutera, Enzo e Lorenzo Mancuso emigrano negli anni settanta a Londra dove lavorano come operai.
Nei primi anni ottanta cominciano ad affermarsi sulla scena musicale europea, pubblicando nel 1986 il
loro debutto “Nesci Maria”. Sono collaboratori abituali di Emma Dante, e per la colonna sonora del suo
“Via Castellana Bandiera” sono stati premiati alla Mostra del cinema di Venezia, e hanno ottenuto il Globo d’Oro e Nastro d’Argento.
Al secondo posto tra gli album più votati dalla giuria del Premio troviamo invece la Nuova Compagnia di
Canto Popolare con “Napoli 1534. Tra moresche e villanelle” (Squilibri), che segna un “ritorno alle
origini” per il gruppo napoletano, modello fondamentale del folk italiano dagli anni settanta in poi. Al
terzo posto a pari merito si classificano invece Maria Mazzotta con “Amoreamaro” (Agualoca) e Linguamadre con “Il Canzoniere di Pasolini”.
Proprio Linguamadre (ovvero Duo Bottasso, Elsa Martin e Davide Ambrogio) risulta il disco più votato di
musicisti under 35, e si aggiudica dunque il Premio Loano Giovani. Il progetto aveva debuttato proprio a
Loano nel 2019, come produzione originale in collaborazione con Mare e Miniere e Premio Andrea Parodi.
Da quella prima versione la collaborazione tra i quattro musicisti è cresciuta fino a diventare un album,
pubblicato su Bandcamp durante il primo lockdown.
Il Premio Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana è nato diciassette anni fa come
laboratorio permanente sulla musica folk, e promuove e valorizza la produzione contemporanea di musica tradizionale di radice italiana attraverso il coinvolgimento di artisti, etichette discografiche, giornalisti e operatori culturali. È organizzato dall’Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con l’assessorato al turismo e alla cultura del Comune di Loano e con il contributo della Fondazione A.
De Mari. La direzione artistica è a cura di Jacopo Tomatis, con la collaborazione di Ciro De Rosa, Enrico
de Angelis e Annalisa Scarsellini

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: