Cultura e Musica

Carlo Marchesano: “Sognavo di scrivere favole sin da bambino”

“Ho sempre voluto scrivere delle favole ma prima ero impegnato con il lavoro così, una volta arrivata la pensione, mi sono potuto dedicare interamente alla mia passione appunto quella di raccontare favole- esordisce così il Maestro del Lavoro, Carlo Marchesano– la favola che ha fatto da filo conduttore nella mia vita è quella “I Tre Giorni della Merla” poiché me la raccontava sempre mio papà e così facendo in me cresceva il desiderio di riscriverla. Finalmente dopo tanti anni ho avuto il piacere di buttar giù la mia versione e grazie anche all’aiuto di una mia amica, la quale essendo una attrice di teatro mi ha aiutato nella stesura, nel 2015 ho vinto il trofeo Enrico Bonino ad Albissola con appunto la favola “Sfida all’ultimo colore”.

Ho sempre pensato che nella vita non bisogna fermarsi così ho deciso di portare la favola nelle scuole con un progetto ben preciso: far disegnare ai bambini, dopo aver ascoltato la favola, i vari personaggi che volutamente  non avevamo raffigurato; pensate che sono arrivati oltre 250 disegni fatti durante i vari concorsi”.

“Lo scorso anno ho invece prodotto una favola, dal titolo “L’arcobaleno musicale e…il virus stonato” a cui racconto ai bambini l’esistenza di un virus musicale che fa suonare gli strumenti senza controllo. Abbiamo deciso di proporre anche questa favola ad alcune scuole genovesi che hanno accolto la proposta, anche per questa non abbiamo appositamente raffigurato i personaggi così da farli disegnare direttamente ai bambini e ci sono arrivati più di 280 disegni da ben 17 Istituti diversi. Ci sono giunti moltissimi e diversissimi personaggi, i bambini hanno davvero molta fantasia forse più di noi adulti.

Ma qui c’è un però: la favola che io avevo proposto era di cinque pagine e mi era stato detto che era troppo lunga e che l’avrei dovuta abbreviare. Rileggendola per portare a termine la richiesta che mi era stata fatta mi sono accorto che potevo benissimo interrompere la storia a metà così da stimolare la curiosità nei ragazzi e lasciarli liberi di decidere se andare avanti nella lettura oppure no. Così è nata “Una favola e 1/2” che deriva dal titolo “Una dottoressa e mezzo” libro che ho regalato alla mia figlioccia e che mi è rimasto sempre in mente adattandolo così alle mie favole. Sono molto contento del lavoro svolto fino a qui, negli ultimi quattro anni abbiamo fatto tanto, nel 2017 con il progetto nelle scuole poi nel 2018 e 2019 ci sono stati i due concorsi  svolti a Imperia e a Chiusa Pesio, posso dire coì di aver varcato anche i confini della mia provincia ma anche della regione. Ringrazio la redazione dell’Eco di Savona per avermi dato questa opportunità”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: