Attualità

I piccoli Comuni, oggi per il domani

Alla ricerca di strategie per assegnare ai piccoli centri il ruolo che loro compete

Piccoli Comuni alla riscossa, da mercoledì 26 maggio prossimo, con una Conferenza dedicata ai Comuni minori della nostra Regione, minori ma forse maggiori, nel complesso, se si considera che, in Liguria, 183 Comuni su 234, hanno meno di 5mila abitanti. Le strategie per il rilancio di tali entità saranno il filo conduttore dei lavori della Conferenza: sei tavoli tematici, su governance, risorse umane e finanziarie, carenze strutturali, aree interne, digital divide e programmazione europea 2021-2027, costruiti con un approccio di tipo bottom up, per far emergere dal basso le esigenze delle comunità locali ma pure, con l’apporto fondamentale di esperti, le innumerevoli potenzialità per lo sviluppo, in un contesto nel quale si parla sempre di più di piccoli Comuni ed, inevitabilmente, di entroterra.

Ai tavoli, che si svolgeranno alle 14, in date distribuite dal 26 maggio al 17 giugno, prenderanno parte gli Assessori regionali competenti per materia . All’incontro finale, in programma il 23 giugno, verrà presentata al territorio una sintesi dei lavori precedenti. Vi parteciperanno il presidente regionale Giovanni Toti in qualità di referente legislativo e programmatorio del territorio e il presidente di Anci Liguria Marco Bucci, sindaco di Genova e della Città metropolitana.

L’iniziativa, voluta dall’ufficio di presidenza e organizzata dal coordinatore della consulta dei piccoli Comuni,Natale Gatto, congiuntamente col vicario Mirko Bardini e il referente ligure della commissione nazionale Anci per la montagna Daniele Galliano, ha l’obiettivo di stimolare il confronto tra i rappresentanti delle istituzioni locali, e definire insieme le strategie per il rilancio dei piccoli Comuni nel periodo a venire.

Così si esprime il coordinatore della Consulta Piccoli Comuni di Anci Liguria ,Natale Gatto, Sindaco di Isola del Cantone : “Invito tutti i miei colleghi Sindaci a partecipare ai tavoli per raccogliere il contributo di tutti i piccoli Comuni della Liguria su temi per noi di vitale importanza . Tratteremo il tema delle funzioni fondamentali, della gestione associata, delle Unioni e Fusioni di Comuni, dei rapporti con Province e Città metropolitana. E ancora: i fondi emergenza e fondi Covid, banche, poste, tabaccai, punti di servizio e Comuni non metanizzati, aree interne, banda ultra larga e smart working, fondi comunitari e nuova programmazione 2021-2027. Tutte questioni importantissime e non più rinviabili per lo sviluppo dei nostri territori e il benessere dei cittadini”.

“La condizione dei nostri piccoli Comuni è quella di entità e comunità locali che devono lottare quotidianamente con un territorio tanto bello quanto complicato da gestire e difendere – afferma a sua volta il direttore generale di Anci Liguria, Pierluigi Vinai – I Comuni della costa, che subiscono l’erosione del litorale, ma che non hanno le risorse dei Comuni più grandi per farvi fronte; quelli dell’entroterra che lottano contro un’orografia e una morfologia affascinante ma impervia, e con un dato, per i montani, di spopolamento, ormai giunto a livelli semi-apocalittici. Siamo consapevoli di non avere la soluzione per tutto, ma volenterosi nel provare a rispondere alle questioni espresse nei sei tavoli tematici, grazie alla collaborazione con i livelli nazionali e regionali.”

Nonostante i dati di spopolamento enunciati, non dimentichiamo che i piccoliComuni possono essere e sono garanzia, per un futuro non troppo lontano ma anche per il presente, di una prospettiva di vivibilità oggi guardata con interesse se non ambita, per sottrarsi all’inevitabile stress della vita cittadina.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: