CronacaEconomiaPolitica

“Fermiamo la strage nei luoghi di lavoro”: a Savona presidio dei sindacati davanti alla prefettura (foto e video)

Presidio questa mattina sotto la Prefettura di Savona a sostegno delle proposte elaborate da Cgil, Cisl e Uil sul tema della sicurezza sul lavoro, nell’ambito dell’iniziativa nazionale unitaria “Fermiamo la stage nei luoghi di lavoro!”.

“A fronte del persistere e dell’aggravarsi del fenomeno delle morti sul lavoro il sindacati confederali hanno, elaborato una loro proposta di azione per affrontare  il problema ed hanno messo in campo assemblee straordinarie nei posti di lavoro e presidi per promuoverne e sostenerne i contenuti.  Nel nostro Paese sono ancora troppi i morti sul lavoro, circa 200 da inizio anno e in Provincia di Savona lo stesso, tra il 2006 e il 2020 oltre 60 lavoratrici e lavoratori hanno perso la vita” commentano Giovanni Mazziotta (Uil), Andrea Pasa (Cgil), e Simone Pesce (Cisl) –VIDEO.

 

 

I presidi in Liguria si svolgono in una settimana di mobilitazione prevista per tutto il territorio nazionale a sostegno delle richieste avanzate da Cgil, Cisl e Uil al Governo: definire un accordo per la sicurezza che coinvolga tutte le parti sociali; condizionare le risorse del Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) destinate alle imprese al rispetto dei contratti e delle norme su salute e sicurezza; formazione e assunzioni per garantire prevenzione, ispezioni e controlli da parte degli enti preposti.
Inoltre i sindacati confederali chiedono di valorizzare la contrattazione e rafforzare la rappresentanza sindacale in
tutti i luoghi di lavoro.
È bastato che la morsa della pandemia allentasse lievemente la
sua presa e consentisse la ripresa più regolare delle attività lavorative, con i ritmi e i carichi di lavoro di sempre, che il dramma delle morti sul lavoro si riproponesse nella drammatica “ordinaria” frequenza: nel 2021 due persone ogni giorno muoiono mentre fanno il loro lavoro.
Ancor più in questo tempo dove è prioritaria per il nostro Paese la ripresa e la ripartenza, va alzata l’attenzione sulle misure di prevenzione e protezione e sul rispetto della normativa perché un lavoratore, una lavoratrice che esce di casa per andare a lavorare ha il diritto di tornarci, la vita delle persone deve essere un valore collettivo superiore al profitto.
Con la scusa del Covid, si è lasciata un po’ troppo andare la sorveglianza soprattutto per quanto riguarda il lavoro sommerso e precario.
A essere coinvolti oggi, molto più di prima, maggiormente colpiti sono quei lavoratori precari, co.co.co, somministrati, partite Iva, quei lavoratori che non hanno gli stessi diritti dei lavoratori “fissi”.
Molti non sono coperti dalla malattia, alcuni si sono ammalati anche di Covid e hanno perso i già bassi introiti, altri quotidianamente hanno messo a repentaglio la loro salute.
Un tema che riguarda i “riders”, ma anche i tantissimi precari
della sanità: prima li abbiamo chiamati eroi, e poi sono stati dimenticati dalle scelte politiche del Governo e delle Regioni che non li hanno stabilizzati e non riconosciuto anche a loro alcuni benefici che, invece, a causa del Covid-9, sono andati, giustamente, agli altri operatori della sanità.

Puntando alla concretezza, passando dalle proposte all’evidenziare le mancanze e gli interventi necessarie e urgenti, sono stati indicati 7 punti cardine,

Il tema delle tutele in materia di salute e sicurezza sul lavoro e, nella sua ricaduta negativa, degli accadimenti infortunistici, mortali e gravi, senza trascurare le malattie professionali, riguarda molteplici aspetti relativi al mondo del lavoro e alle modalità di svolgimento delle attività lavorative, coinvolgendo tanti soggetti, a partire dalle istituzionali (nazionali e sul territorio), le parti sociali, i tecnici, gli attori della prevenzione aziendale, con una attenzione specifica verso le figure di rappresentanza (RLS/RLST – RSA/RSU).

1. Formazione universale ed esigibile per tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori.

2. Inserimento della materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro nei programmi delle scuole superiori.

3. Miglioramento del sistema di controllo ed ispezione in quantità, qualità e frequenza.

4. Investimenti nella ricerca di nuovi e più moderni strumenti di protezione.

5. Generalizzazione e rafforzamento della rappresentanza sindacale attraverso l’inserimento delle figure degli RLS e degli RLST in tutti i comparti ed in tutte le aziende.

6. Valorizzazione della contrattazione come misura di prevenzione.

7. Qualificazione delle imprese e patente a punti”.

“E’ indispensabile quindi che si arrivi subito alla definizione di un  Patto per la Sicurezza e che si attivi una Cabina di Regia Permanente alla Presidenza del Consiglio tra Governo e parti Sociali” concludono i sindacati.

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: