Cronaca

Savona inaugura il monumento dedicato al Presidente Pertini (foto e video)

E’ stata inaugurata nel pomeriggio di oggi l’opera realizzata dall’artista Gianni Lucchesi. Il monumento, scelto da una commissione  nei mesi scorsi, si presenta come una lastra d’acciaio , alta 6 metri, di sei tonnellate. La cerimonia di scoprimento del monumento è avvenuta alla presenza del sindaco Ilaria Caprioglio, del presidente della Regione Giovanni Toti, del prefetto Antonio Cananà, del presidente della provincia Pierangelo Olivieri, del vescovo Calogero Marino, del senatore Riccardo Nencini e del sindaco di Stella Marina Lombardi.

“Oggi siamo qua a celebrare gli stessi valori che ci ha insegnato Sandro Pertini tanti anni fa. Perché Sandro Pertini non è stato solo un socialista ma è stato il presidente di tutti gli italiani ed ha incarnato nel modo più semplice quei valori di un tempo in cui tutti ci dobbiamo riconoscere. Pertini è riuscito ad incarnare i valori costituzionali in gesti che potevano essere di persone normali: la solidarietà, la capacità di esprimere i propri talenti, il rigore nei comportamenti. Celebrale Pertini oggi ci deve ricordare quanto vale la libertà, soprattutto in un momento come questo in cui la stiamo riconquistando, un principio di cui lui è sempre stato strenue difensore”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti nel corso della conferenza stampa prima della cerimonia.

 

“Sono orgogliosa che quest’opera sia stata realizzata, unitamente all’intitolazione della piazza a Sandro Pertini, nel corso del mandato amministrativo che mi accingo a concludere. Mandato iniziato nel 2016 con lo straordinario privilegio di accogliere a Savona il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della cerimonia di commemorazione per i 120 anni della nascita di Pertini.” – cosi il sindaco Ilaria Caprioglio nel suo suo discorso di saluto-.
“Pertini fu uno studente del liceo Chiabrera di Savona e nella nostra Città si affacciò alla politica, iscrivendosi, appena terminata la prima guerra mondiale, alla sezione savonese del Partito Socialista Italiano. Sempre qui si candidò e venne eletto alla Camera dei Deputati, per essere in seguito confermato nelle successive legislature. Nelle aule di Palazzo Della Rovere, sotto gli affreschi di Ottavio Semino, svolse la pratica forense e poi, iscritto all’albo dell’ordine degli Avvocati di Savona il 30 dicembre 1923, la professione.
Quello tra Pertini e la nostra Città è un legame molto forte. Lo testimonia la presenza, all’interno del complesso monumentale del Priamar, uno dei simboli più conosciuti e più rappresentativi di Savona, del Museo Sandro Pertini e Renata Cuneo, inaugurato nel 1991 nel Palazzo della Loggia: un museo nato per esaudire il desiderio dello stesso Presidente, come espresso dalla moglie Carla Voltolina, di donare alla Città di Savona la sua vasta collezione.
L’esempio di Pertini rappresenta una memoria importante, da alimentare e da trasmettere a tutti cominciando dalle nuove generazioni che, come disse lo stesso Pertini, “non hanno bisogno di prediche: i giovani hanno bisogno, da parte degli anziani, di esempi di onestà, di coerenza e di altruismo”. È difficile trovare, nella storia della nostra Repubblica, esempi più fulgidi di onestà e di coerenza di quelli incarnati da Pertini e dal suo percorso di uomo, di politico, di rappresentante delle istituzioni, di difensore della Costituzione, di partigiano, di patriota.
L’opera di Gianni Lucchesi, realizzata nel corso di una pandemia che ha stravolto le nostre vite, credo possa essere di auspicio per un futuro di rinascita, nella certezza che Savona e l’Italia intera dispongano dello spirito, delle risorse e della volontà necessari per fronteggiare e sconfiggere la crisi economica e sociale scaturita dall’emergenza sanitaria. Un augurio e una speranza, un percorso necessario per garantire un avvenire ai nostri figli. Perché, come evidenziò proprio nel 2016 il Presidente Sergio Mattarella: “Un Paese che non riesce a includere i giovani è un Paese fermo. Un Paese che esclude i giovani, o li inserisce nel mondo del lavoro in modo precario, si condanna da solo”.
L’esempio di Sandro Pertini, che l’opera di Gianni Lucchesi celebra, si rivolge a tutti e resterà intagliato nella lamiera di acciaio corten, esile ma tenace, ancorato al terreno ma proteso verso il cielo: simbolo della resilienza di chi visse nel passato, di chi vive nel presente e di chi vivrà nel futuro.” 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: