Attualità

La notte della televisione italiana

Alfredino Rampi (nella combo con Pertini, i soccorritori e la madre)

Sono passati quarant’anni dalla morte di Alfredino Rampi che ha segnato la pagina più nera e vergognosa della televisione italiana. E a tanto tempo di distanza ci domandiamo, soprattutto a chi fa il mestiere di cronista, perché venne permesso tale scempio mediatico, con un Paese intero sgomento ed in preda ad una crisi depressiva.  Con tutto il dolore, e ci mancherebbe altro che proviamo per quel povero bambino, dobbiamo però lucidamente domandarci come un evento che avrebbe meritato una mezza pagina di cronaca sui quotidiani e un normale servizio nei Tg, abbia coperto una programmazione di 48 ore. Sappiamo che tante teste sono saltate sia al Tg1 che al Tg2 che in quegli anni monopolizzavano l’informazione con due testate concorrenti e, va detto, di grande giornalismo. Giancarlo Santalmassi, conduttore e redattore del Tg2, disse qualche mese dopo che si “era convinto di riprendere un evento che si sarebbe positivamente concluso in poche ore. L’errore, il grave errore fu di non spegnere subito le telecamere”. E invece tenendole accese, si permise che in quel pozzo di Vermicino si radunasse una folla di nani e ballerine pronta ad essere inquadrata nella lunga notte. E un paio di questi artisti da Circo Barnum si improvvisano pure volontari per salvare Alfredino con lo scopo di diventare famosi. Ecco quelli furono i risultati di quella notte che segnò la pagina più vergognosa di chi fa il nostro mestiere,

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: