Attualità

Regione: al via il programma di Rigenerazione urbana

Al 31 luglio il termine, per i Comuni, per presentare progetti di recupero di aree in abbandono

L’ Assessore regionale all’Urbanistica ed alla Pianificazione Territoriale,  Marco Scajola, ha terminato gli incontri  con i rappresentanti dei comuni liguri e dell’ ANCI – Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia –  per la redazione del programma di rigenerazione urbana regionale, uno strumento per favorire e sostenere  il miglioramento delle qualità ambientali, paesaggistiche, architettoniche e sociali del territorio e degli insediamenti.  I comuni avranno tempo fino al 31 luglio per presentare progetti di rigenerazione urbana in forma singola, ma pure in associazione, per il recupero e la ristrutturazione di aree degradate anche complesse e insistenti su più territori comunali.

“Il 2021 è l’anno della rigenerazione urbana – Così si esprime in merito l’Assessore Marco Scajola – per questo Regione Liguria vuole predisporre un programma che delinei gli interventi non solo dell’anno in corso, ma anche dei prossimi. Abbiamo voluto, quindi, confrontarci su questo tema con i comuni liguri, organizzando una serie di videoconferenze, in modo da coinvolgere il territorio, esporre il programma di rigenerazione urbana regionale e avere uno scambio diretto con le amministrazioni e con i tecnici. Un lavoro congiunto Regione-comuni che sarà fondamentale per rendere la nostra terra più vivibile, con una migliore qualità ambientale per i cittadini e più attrattiva per i turisti”.

”I comuni potranno presentare progetti che si ispirino agli obiettivi di rigenerazione urbana -prosegue ancora l’Assessore – di sostenibilità ambientale, tecnico-urbanistica, culturale ed ambientale, infrastrutturale, turistico-ricettiva e socio-economica. Infine, i progetti dovranno essere immediatamente cantierabili, perché vogliamo dare un’attuazione immediata agli interventi. La Regione Liguria è un modello a livello nazionale nell’adozione di strumenti di riqualificazione urbana”.

Nell’immagine, gli immobili delle ex Vetrerie Savam di Altare, che sfigurano il paese

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: