Attualità

Presentato il questionario per lavoratrici e lavoratori vittime di violenza

E’stato illustrato, alla presenza della consigliera di parità Laura Amoretti, degli assessori regionali Gianni Berrino e Simona Ferro e dei soggetti coinvolti, il questionario per le lavoratrici ed i lavoratori vittime di violenza.

“Ringrazio tutti i soggetti coinvolti dicendo che è molto importante fermare le molestie verso i lavoratori e le lavoratrici”, dichiara Laura Amoretti, “ed il questionario è rivolto sia ai dipendenti pubblici che privati. Occorre riflettere sulle molestie e far sapere alle vittime che non sono sole; ringrazio gli assessori Berrino e Ferro che hanno aderito senza dimenticare l’assessore Cavo con la quale abbiamo iniziato il progetto. Uno dei nostri obiettivi è la creazione di un osservatorio a livello regionale e se tutti collaborano abbiamo gli strumenti per combattere; il questionario è anonimo ed è un prodotto concreto contro le molestie. La rete regionale è composta da partner importanti con diverse competenze avendo un obiettivo unico, combattere le violenze”.

Parole simili da parte dell’assessore alle pari opportunità Simona Ferro :”Il questionario anonimo rispetta la privacy ed il problema delle violenze sui luoghi di lavoro ha avuto l’attenzione anche dalle Nazioni Unite visto che i diritti umani vengono violati; la legge 4 del 2021 abbraccia tutti i settori ed è inserita in Gazzetta Ufficiale”.

“Ringrazio tutti i soggetti coinvolti dicendo che bisogna conoscere tutti i dati dopo la prima fase e e scoprire come avvengono le molestie per combatterle e impostare politiche formative per la prevenzione”, afferma l’assessore al lavoro Gianni Berrino, “ma soprattutto serve capire come esiste il fenomeno. Il vero successo di questo lavoro è la prevenzione e capire come contrastare le violenze quando ci sono nel rispetto di ognuno”.

“Il progetto mi piace”, ricorda Enrico Lanzone per Inail, “e ringrazio tutti i soggetti che lo hanno reso possibile”.

“Il questionario rispetta la dignità delle persone, valore fondamentale di ogni azienda”, sottolinea il rappresentante di Confindustria, “ma occorre fare prevenzione diffondendo l’uguaglianza e le pari opportunità”.

“Occorre capire le dimensioni dell’azienda ed il ruolo ricoperto all’interno della stessa; il questionario è online e tutti i partner che hanno contribuito a realizzarlo devono diffonderlo. Bisogna far conoscere questo strumento al maggior numero di persone possibile per renderlo capillare affinchè le violenze si possano prevenire”, conclude la consigliera di parità Laura Amoretti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: