Attualità

Priamar, inaugurata la mostra dell’artista Gianni Lucchesi

E’stata inaugurata, alla presenza del sindaco Ilaria Caprioglio, dell’assessore alla cultura Doriana Rodino e del fotografo Giampaolo Antoni, la mostra dell’artista Gianni Lucchesi che si terrà presso il Priamar fino al 26 giugno.

“Siamo qui per il secondo atto dell’inaugurazione dell’opera dedicata a Sandro Pertini”, dichiara il primo cittadino savonese, “e sono esposte alcune opere derivanti da quella presente in piazza. Il museo è nato grazie ad un lascito dell’ex presidente; negli Stati Uniti è comune che gli ex presidenti creano, con i loro lasciti, musei con molte opere d’arte mentre da noi ciò non avviene quasi mai. Questo lavoro di squadra è importante e mi piace perchè mostra la nascita della bellissima opera inaugurata il 2 giugno”.

Parole simili da parte dell’assessore Rodino :”La mostra è stata realizzata anche grazie all’aiuto della Fondazione De Mari che ha appoggiato il lavoro di Gianni Lucchesi; rivolgo un sincero grazie a Julia Caracciolo per l’allestimento della mostra. Questa mostra è il luogo ideale per la conclusione di un percorso importante ma voglio ricordare la presentazione del libro dedicato a questa opera che si terrà sabato 19 alle ore 18 presso l’Enoteca Symposium di fronte al monumento”.

“Presenterò questo libro in cui si possono trovare le foto del monumento in costruzione al quale molte persone hanno collaborato”, afferma l’artista Lucchesi, “e racconterò anche la storia dell’opera ed il mio rapporto con la figura di Pertini. Aver vinto il bando è stato per me molto importante e questo lavoro mi ha entusiasmato molto; qui e presso la Galleria Gulli saranno presenti alcune sculture che derivano dall’opera, pezzi che sono rimasti dopo il taglio della lamiera e le forme derivano dalle lettere realizzando una sorta di totem. Questo esperimento mi è piaciuto molto e per chi conosce il monumento è facile vedere da dove derivano i singoli pezzi; ogni elemento vive di vita propria e mi piace l’idea che vi siamo molte piccole opere derivanti da una presente in piazza”.

Questo è stato un importante lavoro che si è svolto in un ambiente bello e stimolante; mi è piaciuto molto vedere quando la fiamma ossidrica ha tagliato la lamiera e ne sono uscite tante piccole sculture”, conclude il fotografo Giampaolo Antoni.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: