Economia

Chissà perchè è antipatico il completamento del raddoppio della Genova – Ventimiglia

Continua l'ostilità, pur velata, per il raddoppio fra Finale ed Andora

Un borbottio si percepisce, un ronzio magari sommesso ma insistente contro il progetto del raddoppio della linea ferroviaria Finale – Andora, ora inserito fra le opere di cui si chiede il finanziamento da parte del “Recovery Plan”; un’opposizione inutile perchè il progetto, l’unico possibile, verrà attuato, su questo non c’è da dubitare, e che non si capisce su quale logica si basi! Il completamento del raddoppio è un’opera costosa, impegnativa, “impattante”, come suol dirsi con un termine di moda, in fase esecutiva, perchè successivamente il percorso, quasi tutto in galleria,  non darà poi nemmeno tanto nell’occhio, ma logicamente conseguente, perchè non ha senso mantenere quella strozzatura a binario unico nel dispiegarsi di una linea ferroviaria a doppia percorrenza che solo quando compiuta ne renderà possibile il pieno utilizzo e l’immissione definitiva in collegamenti ferroviari al passo coi tempi!  A ronzare contro , da qualche settimana, c’è pure un certo “Gruppo d’informazione Non perdiamo il Treno”, che diffonde i propri comunicati  e le proprie considerazioni su altra testata, che nonostante, già nella propria denominazione,  auspichi di “Non perdere il treno”, sembra aver come fine di mettere in evidenza tutti i possibili, o supposti, inconvenienti e motivi di contrarietà nei confronti di quello che la variegata schiera degli oppositori al raddoppio chiama, come del resto è giusto il “trasferimento a monte”! Dopo aver scritto che il cantiere farà fuggire i turisti da Alassio,  che si guadagneranno solo quattro minuti nel tempo di percorrenza fra Finale ed Andora, che gli espropri previsti potranno venir saldati a scadenze  “raccapriccianti” – sic! nel testo -, prendendo ad esempio altre situazioni in cui effettivamente i proprietari espropriati hanno dovuto attendere termini molto lunghi per essere risarciti ma appunto altro situazioni, il “Gruppo d’informazione” sostiene che pure il trasporto merci non godrà di nessun beneficio dopo il “trasferimento a monte”;  a parte che il trasporto “intermodale” non consiste necessariamente nel trasporto di camion sui treni, previsto da qualche società di traffico merci, ma prevede l’impiego di container appositi, di dimensioni non maggiori di un vagone merci, che possono essere caricati su carri ferroviari ed agganciati poi da motrici,  non si capisce percè i vantaggi sarebbero più evidenti nel mantenimento sul litorale dell’ultimo tratto ancora lì funzionamente della linea ferroviaria che percorre la Liguria; perchè è su questo che i vari fronti di opposizione al “raddoppio-trasferimento” puntano; mantenere la linea sul litorale, innestando in un ipotetico raddoppio che è da ritenere sarebbe più costoso, e non oso pensare quanto più “impattante”, gli otto chilometri del raddoppio Loano – Albenga, risalente agli anni 1930 e verosimilmente desueto! E se, come il “Gruppo di Informazione” prevede, il “raddoppio-trasferimento”, sarà operativo fra vent’anni, ben verrà anche in tale “lontano-prossimo” futuro, perchè l’adeguamento della linea ferroviaria, se si vorrà assegnare maggiore importanza ai trasporti su rotaia, a fini ambientali, economici, di intensificazione di collegamenti, sarà ancor più necessario; l’unico appiglio che agli oppositori rimane è il decentramento delle stazioni ma questo è un altro problema e forse non così drammatico come spesso viene presentato!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: