La Storia

30 anni fa la Coppa Italia Dilettanti: il ricordo dei protagonisti

Nel trentennale della vittoria contro la Sestrese, Bottari, Grenno e Carrea ridanno vita ai loro ricordi

23 giugno 1991 il Savona Fbc si aggiudica la sua prima, e finora unica, Coppa Italia Dilettanti. Da quel giorno sono passati trent’anni ma il ricordo è ancora forte, è ancora vivo in quei campioni, guidati da mister Vallongo, che hanno portato sotto la Torretta un trofeo che ancora oggi è storia:

“Mi emoziono ancora ora a parlarne – racconta Bruno Bottari, l’allora capitano della squadra- all’epoca non eravamo stati festeggiati come si deve, era giugno ed erano iniziate le vacanze. Posso dire che oggi mi riempie il cuore sapere che c’è gente che ricorda ancora quel giorno. E’ stato tutto magnifico ma come ogni anno, all’inizio della stagione, la Coppa Italia la si snobbava a favore del Campionato ma tutto è cominciato quando al “Broccardi” di Santa Margherita Ligure scese in campo la Beretti e batterono per 2-0 i padroni di casa. Da lì abbiamo iniziato a sentire odore di vittoria e si può dire che quella partita ha dato il là a ciò che poi è successo. Siamo arrivati in finale di Coppa Italia interregionale contro l’Avezzano, la prima gara l’abbiamo giocata al “Bacigalupo” ma non siamo andati oltre lo 0-0, poi in trasferta ci siamo rifatti vincendo ai rigori. Così saremmo dovuti andare e giocarci il titolo assoluto della Coppa Italia Dilettanti contro la Sestrese. La vittoria di Locri è stata qualcosa di magnifico che ancora oggi se ci penso non ci credo quasi; io sono stato 4 anni a Savona e per me sono stati fantastici visto che ho vinto  oltre alla Coppa Italia anche un Campionato di Promozione, entrambi con la fascia al braccio. Non vedo l’ora di rivedere tutti quanti, sono passati anni e sicuramente siamo tutti più anziani ma sarà bellissimo. Voglio ricordare due persone che oggi non ci sono più e sono Remo Bertolucci, il nostro amato magazziniere, e il massaggiatore Pippi Prussiati, entrambi due grandi persone che mi hanno accolto con amore e mi hanno fatto sentire a casa. Grazie ancora a distanza di trent’anni”.

Anche il Presidente Enzo Grenno ricorda con gioia quei momenti: “Abbiamo vinto una competizione che comprendeva quasi 900 squadre, una cosa pazzesca. Ricordo il viaggio di ritorno, un’odissea felice ma pur sempre un’odissea. Il pullman che avrebbe dovuto riportarci a Lamezia Terme per prendere aereo di ritorno si è perso e così abbiamo dovuto organizzarci nuovamente. E’ venuto a prenderci un altro pullman ma avevamo quasi due ore di ritardo così siamo arrivati direttamente sulla pista dove c’era il nostro aereo, con gli altri passeggeri già imbarcati da un bel pezzo, che ci stava aspettando. Ma non è finita qui poichè il comandante non ci voleva far salire con la Coppa che era una insalatiera, composta anche dal coperchio e da un piatto tutto in argento massiccio, ma voleva che la imbarcassimo nella stiva. Abbiamo litigato per un pochino alla fine tre giocatori, Bottari, Carrea e Marazzi, decisero di prendere un pezzo per uno e così siamo riusciti a portarla con noi. C’erano incisi tutti i nomi delle squadre vittoriose e da quel giorno vi era anche quello del Savona FBC. Dopo questa piccola peripezia però non siamo partiti perchè il comandate si è messo a discutere anche con Antonio Radogna, un nostro dirigente accompagnatore, dopo alcuni minuti interminabili però siamo riusciti a partire e siamo atterrati a Roma con parecchio ritardo. Anche lì l’aereo che ci avrebbe riportati a Genova ci ha aspettato con tutti gli altri passeggere abbastanza incarogniti. E’ stato un viaggio assurdo ma bello. Quell’anno ci siamo tolti grandi soddisfazioni che rimarranno nella mente di tutti”.

“Una vittoria che all’inizio non ci avrebbe sperato e pensato nessuno- esordisce Carrea– e per questo il 24 luglio ho voluto fortemente organizzare, insieme al Presidente, una rimpatriata diciamo culinaria. Sarà bellissimo rivedere tutti. Abbiamo invitato tutti i giocatori, non solo quelli della Prima Squadra ma anche quelli dell’allora Beretti perchè senza di loro non avremmo vinto poi ci sarà la dirigenza, alcuni tifosi e alcuni giornalisti che vennero con noi. Ho cercato di rintracciare quasi tutti e penso che in questi trent’anni alla squadra non gli si è dato il giusto valore, penso che meritassimo più attenzione e quindi mi sembra il minimo fare ciò anche perchè per ora rimane l’unico trofeo nazionale nella storia del Savona. Il ricordo più nitido è quello legato ai festeggiamenti tra noi compagni ma anche con quei tifosi che ci hanno seguito fino a Locri, sono stati fantastici e sono contento di averli ripagati”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: