Attualità

Genova, inaugurata la nuova comunità di recupero dedicata ai minori tossicodipendenti

E’stata inaugurata, alla presenza del sindaco Marco Bucci, dell’assessore regionale Ilaria Cavo e delle autorità del territorio, la prima comunità per minori tossicodipendenti della Liguria Il Timone gestita dal CEIS e sita presso l’Istituto delle Suore Gianelline in Via Nostra Signora del Monte a Genova.

“Ringrazio i presenti dicendo che la nostra realtà è importante e si evolve occupandosi di stranieri ed anziani”, afferma Enrico Costa, presidente CEIS, “ricordando che nessun ospite delle nostre strutture ha contratto il Covid; credo che tutto ciò sia il risultato dell’abitudine alla vita di comunità e del rispetto delle regole. Durante la pandemia le dipendenze hanno coperto i bisogni dei più giovani e valutiamo, accanto ad interventi preventivi ed educativi, anche trattamenti comunitari; rivolgo un sincero grazie al procuratore Cozzi che ha preso a cuore alcune situazioni delicate, il dottor Ubaldeschi del Secolo XIX e l’ex assessore regionale Sonia Viale che ha gestito tutti gli interlocutori e deliberato gli stanziamenti aggiuntivi. Questa è la prima comunità ligure dedicata al recupero dei tossicodipendenti minorenni e attualmente i posti sono dieci ma spero possano aumentare; all’interno verrà effettuato un percorso terapeutico ed educativo con prevenzione e formazione”.

Parole simili da parte di Giovanni Lizzio, responsabile area sociale del CEIS :”Nel 2020 abbiamo seguito più di 2100 persone e mantenere tutti i servizi nonostante l’emergenza sanitaria è stato difficile; i ragazzi hanno capito ed accolto la gravità del lockdown. Nel settore adulti abbiamo aiutato 920 persone con dipendenze, seguito a distanza 18 famiglie e accolto 320 richiedenti asilo tra qui e Savona; abbiamo anche svolto importanti lavori con i minori stranieri non accompagnati e fatto prevenzione nelle scuole”.

“Ringrazio il CEIS per il lavoro svolto”, afferma in un videomessaggio il ministro Elena Bonetti, “ricordando che realtà come questa servono per sanare le ferite dei nostri ragazzi. Gli spazi per i giovani sono essenziali per la prevenzione e questa è una generazione segnata dalle incertezze della pandemia; sono in aumento i disagi con disturbi alimentari e le dipendenze, sintomi di una generazione ferita. La nostra società deve essere attenta ai bisogni dei giovani e avere un linguaggio che li coinvolga”.

“I ragazzi colgono il disagio di questo periodo”, sottolinea l’arcivescovo di Genova Marco Tasca, “e mi chiedo se noi adulti li aiutiamo nel modo giusto. Occorre collaborare con i nostri giovani ma anche noi dobbiamo fare la nostra parte”.

“I tossicodipendenti sono sempre più giovani e la droga costa sempre meno”, ricorda Sua Eccellenza il Prefetto Renato Franceschelli, “e bisogna quindi fare molte attività educative sugli stili di vita giusti. Noi ci siamo ma occorre proseguire questo lavoro che ha bisogno di attenzione costante”.

“Occuparsi dei giovani significa occuparsi del futuro e Genova è una città accogliente e solidale”, evidenzia il primo cittadino genovese, “ed il comune, la regione e la procura aiutano dando un messaggio importante; siamo partiti investendo nel sociale 43 milioni ed ora siamo arrivati a 63. Le associazioni servono per completare il nostro lavoro facendo importanti sinergie con l’amministrazione; uno dei nostri obiettivi è quello di portare nuovamente sulla retta via i giovani che hanno avuto sbandamenti. Il recupero dei nostri ragazzi è importante ma bisogna trasmettere loro messaggi corretti legati allo sport, allo studio ed alla cultura; siamo vicini alle associazioni poichè senza di loro non si potrebbe svolgere il grande lavoro che si sta facendo”.

“Sono qui perchè la mia esperienza lavorativa mi insegna che la tutela dei minori è importante”, riprende il procuratore capo Francesco Cozzi, “ma occorre preoccuparsi della protezione mettendo in collegamento gli attori istituzionali che devono tutelare i soggetti poichè è fondamentale fare rete. Sonia Viale ha fatto molto per questo progetto e oggi se ne raccolgono i frutti”.

“La collaborazione tra i diversi soggetti è importante ed il progetto Nessuno è spacciato ha come obiettivo la presa in carico precoce dei giovani coinvolti nello spaccio”, asserisce Luca Villa, presidente del Tribunale dei Minori di Genova, “e l’intervento è svolto all’inizio quando le sostanze vengono mitizzate. Le comunità liguri non sono diventate focolai per il Covid e ricordo che i processi in cui sono coinvolti minorenni hanno tutti l’urgenza; occorre avviare, da parte del Sert, un’indagine ed entro cinque mesi il ragazzo va dal giudice. Il sistema genovese è un insieme di vari soggetti con una strategie per operare al più presto; bisogna coinvolgere anche le famiglie ma l’intervento dev’essere tempestivo e vicino ai ragazzi”.

“Porto il saluto del presidente Toti dicendo che questa è una struttura fondamentale e le professionalità vengono messe a sistema”, dichiara l’assessore regionale Ilaria Cavo, “ma serve soprattutto fare prevenzione. Ringrazio Sonia Viale per aver avviato il percorso ed insieme abbiamo condiviso importanti progetti; una parte del Fondo Sociale Europeo è stata stanziata per aiutare le famiglie in difficoltà, più di 600. Occorrono stimoli importanti per i giovani legati alla cultura ma quello della prevenzione è uno strumento importante”.

“Il nostro lavoro è stato rallentato dall’emergenza Covid ma sono soddisfatta poichè questo progetto ha in sè la speranza”, sottolinea Enrica Orsi per Alisa, “e questa è la prima comunità ligure dedicata ai giovani dai 16 ai 21 anni. L’attività di prevenzione è importante e sono molto contenta di questo lavoro”.

“Abbiamo rivolto ai giovani una particolare attenzione e dopo le chiusure i reati legati alla microcriminalità sono in aumento; spero che la movida violenta non si ripeta”, conclude il Questore Vincenzo Ciarambino.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: