Attualità

Presentato il consorzio “Mete di Liguria”

Si è tenuta, alla presenza dell’assessore al turismo Gianni Berrino e delle responsabili del progetto, la presentazione del consorzio “Mete di Liguria” composto da sei imprenditrici che hanno puntato sull’accoglienza di qualità nell’entroterra del ponente ligure; è stata inoltre presentata  la “Cartina d’Autore” del Ponente arricchita dal contributo degli acquerelli dell’artista internazionale Stefano Faravelli.

“Ringrazio l’amministrazione regionale nella persona dell’assessore Berrino”, dichiara la presidente del consorzio Tiziana Guglielmi, “ricordando che il consorzio è nato nel 2005 grazie all’idea di sei donne che hanno aperto le loro case all’ospitalità di un certo tipo e l’ospite è parte integrante della struttura. Siamo state una sorta di pioniere in questa modalità di turismo e alle nostre casa vengono affiancate produzioni della zona come la coltivazione delle olive destinate alla produzione di olio e l’uva che servirà a realizzare il vino vermentino e pigato. Abbiamo recuperato in modo rispettoso parti importanti del territorio del ponente ligure e la nostro proposta è molto importante per la ripartenza del turismo nella nostra regione; ad ora abbiamo recuperato circa 25 strutture per un totale di cento posti letto”.

Stessa soddisfazione per Rosanna Brun, vicepresidente di “Mete di Liguria” :”Il nostro è un piccolo consorzio di donne che nasce nel 2005 proponendo nuove forme di accoglienza affiancate a produzioni locali come le olive taggiasche e l’uva per il vino vermentino; la Cartina d’Autore è il nostro depliant e l’artista Stefano Faravelli ha realizzato un ottimo lavoro su nostra richiesta. Sul retro della cartina si troveranno le sei strutture con la loro personalità ed ogni dimora trasmette l’essenza della Liguria di una volta; i destinatari di questa offerta saranno persone e viaggiatori attenti, curiosi e rispettosi. Il consorzio è presente nella “Guida delle Libere Viaggiatrici” ed offriamo attrazioni preziose e segrete con un continuo scambio e contaminazione di culture; non consumiamo territorio e con la nostra presenza offriamo anche occupazione giovanile. Noi difendiamo la vita perchè la generiamo e spero che questo progetto possa ampliarsi sempre di più con un lavoro di pochi che apre vetrine ed attenzioni nuove; il consorzio è piccolo ma nuove leve stanno crescendo; nonostante le difficoltà ci sono cambiamenti epocali e grandi opportunità di ripartenza visto che amiamo la nostra terra”.

“E’corretto dare al progetto una visione regionale poichè le dimore da sogno sono molto importanti per l’attrattività turistica della Liguria”, afferma l’assessore Berrino, “e queste realtà fanno sentire il turista come a casa. Le strutture sono tutte autentiche e la vera forza di tutto ciò è appunto l’autenticità poichè i turisti la ricercano; vengono riscoperti scorci bellissimi della nostra terra e questo è il vero restart dell’entroterra perchè la sopravvivenza dei borghi dipende da progetti del genere e le strutture evitano lo spopolamento. L’artista ha svolto un lavoro magnifico con la cartina e la bellezza ligure si trasferisce sulla carta; la promozione del territorio e delle dimore attraverso gli acquerelli mi piace molto e queste realtà sono uniche nel loro genere ma il vero lusso è l’immersione nel verde”.

“Nel 2005 ci siamo incontrate e dopo aver parlato ci siamo rese conto che volevamo offrire le nostre case ai turisti che amano l’entroterra dando un’immagine autentica della Liguria”, conclude una delle signore del consorzio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: