AttualitàCultura e MusicaDal Pensiero alla PennaGoccia a GocciaPolitica

Vivere in piena libertà civile

Spazio al pensiero semplice e diretto di Vincenzo Punzo

Un po’ stufi dei tanti che complicano la comunicazione con parole difficili, anche questa settimana diamo spazio al pensiero semplice e diretto di Vincenzo Punzo:

 

Vincenzo Punzo, opinionista

VIVERE IN PIENA LIBERTA’ CIVILE

 

Il Covid 19 passa, ma il cuore non dimentica. Durante questa calamità epidemica, come il coronavirus, ognuno di noi ha pagato il proprio conto, molti con la vita, lasciando una scia di sofferenza pari ad un’esperienza di guerra. Abbiamo provato paura sia fisicamente, sia moralmente che psicologicamente, abbiamo vissuto da segregati in casa con una libertà limitata, con il divieto di abbracciarsi e spesso in solitudine, con la sola speranza di un nuovo e rapido vaccino che, puntualmente in soli 19 mesi, è arrivato, facendoci riconquistare salute e libertà.

In tutto questo a farmi riflettere di più è stato il gioco di squadra che si è venuto a creare, in cui l’interesse di tutti era quello di uscire da questo tunnel buio e riacquistare la salute, un minimo di contatto sociale e riappropriarsi della libertà civile.

In tempi non sospetti avevo già accennato a quanto fosse importante essere uomini e donne liberi dentro e fuori, ma adesso e più di prima il mio pensiero va a tutte quelle persone recluse nelle case circondariali (carceri) per pagare il proprio conto con la giustizia scontando pene più o meno lunghe, dove la parola libertà è solo fantasia. Oggi in diverse carceri italiane si attua appieno l’articolo 27 per il quale le pene tendono alla rieducazione del condannato grazie a scuole e a corsi professionali, infatti il 19% dei reclusi trova poi la possibilità di reintegro nella società.

Vi sono poi altre tipologie di case circondariali … per esempio quelle in cui vivono i familiari dei detenuti, che diventano tali sotto il profilo economico ed emotivo, spesso verso queste persone si tende a puntare il dito,  ma ricordiamoci che puntare il dito contro qualcuno significa che le altre dita sono puntate contro se stessi!

Un’ultima tipologia di carcere è costituita da quelle persone più “fortunate” che hanno commesso reati e truffe, ma che non sono ancora incappate nella sfera della giustizia, credendo quindi di farla franca e girano, vestiti da agnellini, nella società civile.

Ovviamente viviamo nella speranza che ogni cittadino possa vivere nella civile libertà.

 

Vincenzo Punzo

 

Savona, 25 giugno 2021

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: