AttualitàPolitica

Elezioni comunali Savona, il sottosegretario Costa presenta il candidato sindaco Francesco Versace

Si è tenuta, alla presenza del Sottosegretario alla salute Andrea Costa, del segretario politico e vicepresidente di Liguria Popolare Antonio Bissolotti, del segretario provinciale Matteo Marcenaro e della consigliera comunale di maggioranza Sujata Karunaratne, l’ufficializzazione della candidatura a sindaco di Savona di Francesco Versace, ex primario di Reumatologia all’ospedale San Paolo.

“La collaborazione è importante e durante gli ultimi cinque anni Francesco Versace ha collaborato con il sindaco Caprioglio”, dichiara Matteo Marcenaro, “ma questo gruppo vuole essere un insieme di persone che si impegnano per la città ed hanno gli stessi valori tra cui l’amore per Savona”.

Stessa soddisfazione da parte della consigliera Sujata Karunaratne :”Il nostro movimento è nato durante le elezioni regionali del 2015 con una lista civica con Andrea Costa ed abbiamo cercato persone che amano il loro paese; sono stata eletta nel 2016 con 40 voti e non so ancora se mi ricandido”.

“Ringrazio i presenti ricordando che il nostro è un movimento civico regionale”, afferma il segretario politico e vicepresidente di Liguria Popolare Antonio Bissolotti, “legato a Noi con l’Italia di Lupi. Il sindaco Caprioglio ha pagato di non avere esperienze politiche precedenti e sono convinto che un sindaco debba avere capacità di governare ed esperienza; il nostro gruppo vuole arrivare a quegli elettori che non si riconoscono sia nella destra che nella sinistra. Noi vogliamo la discontinuità per Savona e siamo convinti di arrivare al ballottaggio”.

“Ho accettato la proposta di candidarmi sindaco poichè mi ritengo di essere nella condizione ideale di poter ricoprire questo incarico”, sottolinea il dottor Versace, “avendo conseguito una quarta specialità in consigliere comunale visto che ho studiato 5 anni in Comune. Il nostro primo obiettivo è quello di rendere la città pulita ma voglio ricordare che abbiamo ereditato un debito di 100 milioni di euro che ora è diventato di 50 milioni dopo l’attento controllo della Corte dei Conti; la situazione economica attuale è migliore di quella di cinque anni fa ma Ata (Ata è l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti nella città di Savona) deve pulire Savona. Per quanto riguarda la viabilità aspettiamo un piano ed un altro dei nostri principali obiettivi è il miglioramento della sanità; in merito a Pietro Santi voglio dire che è libero di fare le sue scelte e di appoggiare chi desidera. Mi sono dimesso da coordinatore cittadino di Forza Italia e non sono stato contattato per la scelta del candidato della coalizione di centrodestra; ho fatto un accordo con il Sottosegretario Costa parlando di un contenitore di moderati. I problemi sono stati tanti e negli ultimi cinque anni è stata fatta troppa ragioneria e poca politica; la volontà di migliorare Savona è tanta e sono consapevole che la divisione con la coalizione di centrodestra ha in sè il rischio della sconfitta ma la cosa più importante è il rispetto dei principi”.

“La politica significa confronto ed i cinque anni passati in regione sono stati molto importanti ma abbiamo lasciato le poltrone consapevoli del fatto che essere nell’esecutivo permette di incidere sull’azione politica”, evidenzia il Sottosegretario Costa, “ma voglio ricordare che a Savona, durante l’amministrazione Caprioglio, abbiamo evidenziato cosa va e cosa non va. Il nostro è un percorso autonomo senza alleanze e Francesco Versace si è messo in gioco guidando una proposta moderata dialogando con chi ha perso la fiducia nella politica; occorre ripartire dal territorio anche nell’ottica che noi siamo per Savona e non contro qualcuno. Essere in politica significa farsi carico dei problemi e cercare di dare risposte; l’alleanza con i partiti di centrodestra in regione resta ma nel governo locale abbiamo fatto scelte diverse in autonomia e non ci saranno futuri cambi di maggioranza. Se saremo fuori dal ballottaggio valuteremo chi appoggiare ma il nostro obiettivo è quello di andare noi; questo è un contenitore aperto per chi vuole cambiare Savona in modo positivo ed abbiamo già completato metà della lista in appoggio a Versace. Serve l’ascolto dei cittadini e abbiamo come obiettivo il ballottaggio poichè vogliamo un ruolo da protagonisti e non da gregari; la nostra non è una rottura ma non condividiamo la candidatura di Schirru”.

“Questi cinque anni in consiglio comunale sono stati molto difficili e questa difficoltà è stata dettata soprattutto dalla burocrazia”, conclude la consigliera Karunaratne.

 

Sono stati annunciati alcuni dei componenti della futura lista:

Stevens Cavalieri, libero professionista;

Michela Sacco, avvocato;

Viviana Bolduri, imprenditrice;

Laura Maure, insegnante;

Francesco Ceraolo, agente immobiliare;

Marcella Pera, docente all’Itis Ferraris Pancaldo;

Marco Rosso, dipendente Asl2;

Dario Bonelli, società servizi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: