Attualità

Ventimiglia: per sognare l’Europa

E’ Ventimiglia l’ultima frontiera per sognare l’Europa. E’ in questo lembo di Liguria che da anni procede senza sosta l’odissea infinita delle norme sbagliate, tese a respingere anziché accogliere, a giudicare anziché capire: un inferno che nemmeno la pandemia sembra aver bloccato. Finiscono per lo più in un fondo di pagina di qualche giornale cittadino le migliaia di storie di migranti respinti o costretti ad attraversare le valli alpine tra neve e ghiaccio.

Testimonianze toccanti e sicuramente ai limiti della dignità umana, diventate col tempo quasi un grande album di esperienze di vita tutte diverse ma con un nodo comune: la speranza. Tra le diverse associazioni che cercano di aiutare questi rifugiati, in quest’articolo Weworld si è esposta particolarmente raccontando attraverso un report, ciò che accade in quest’angolo di Liguria diviso tra Italia e Francia.

Ventimiglia: l’ultima frontiera

A Ventimiglia arrivano donne, uomini e bambini, arrivano per conquistare il sogno dell’Europa e vengono respinti. Nei loro piedi migliaia di chilometri, nei loro occhi, troppo spesso, il dolore di percosse e punizioni fisiche, di torture e violenze, nelle loro orecchie urla di dolore, colpi di fucile, sos mai accolti. I migranti del nuovo millennio arrivano alla frontiera sud dell’Europa, in l’Italia da Lampedusa o da altri lidi. A Trieste se arrivano dall’est e, con forza, coraggio e determinazione, in un modo o nell’altro tentano di superare i varchi qui, nella nostra terra ligure percorrendo valli e tratturi che, un tempo, non troppi anni fa, erano noti ai passeur.

L’ultima frontiera è stata ed è un vero e proprio inferno, come enuncia anche un altro articolo recente battuto dall’AGI (Agenzia Giornalistica Italiana). La meta desiderata per tutti è la Francia: la lingua la si conosce e, quasi sempre si ha un parente o un amico residente qui e là. Arrivarci però è davvero complicato. Difficile. Spesso quasi surreale: notti e giorni passati per strada o nei dirupi. Freddo e caldo, pioggia o vento, a Ventimiglia si tenta l’impossibile per poi, quasi sempre, essere respinti dalla Polizia Francese. 

Da Ventimiglia alla Francia: l’incubo della Polizia

Ventimiglia si sa è un luogo di passaggio.  Nessuno ha intenzione di fermarsi qui, al confine tra l’Italia ed il sogno. Nè adesso nè mai. Ma è anche qui che le organizzazioni di trafficanti di uomini riescono ad organizzare i movimenti di chi esce clandestinamente dal territorio italiano. 

Passeur, un termine che rimanda indietro nel tempo mai attuale quanto oggi: oggi ad attraversare i cammini alpini sono per lo più migranti accompagnati da connazionali che conoscono i percorsi. Non di rado però si scopre che il business è in mano anche agli italiani. Arrivare in Francia costa parecchio: spesso lo si fa persino in treno ma poi il rischio è alto: si può essere fermati, bloccati e… si deve scendere immediatamente e tornare indietro. Le cronache di questi anni raccontano spesso come la Polizia francese operi i respingimenti.  Ogni mese dalla Francia vengono rimandati indietro dozzine di minori non accompagnati, violando leggi francesi e internazionali, ha affermato oggi Human Rights Watch.

Le autorità d’oltre frontiera respingono, ovviamente, in modo sommario anche donne e uomini persino ammalati. E’ qui in questo angolo di terra senza norme dove le convenzioni internazionali non vengono applicate che, i progetti come quello portato avanti da Weworld è fondamentale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: