Economia

Il treno dei desideri all’incontrario va

Ma il raddoppio è necessario e pure lo spostamento a monte

E’ incredibile come il “Gruppo d’Informazione Non perdiamo il treno”, che diffonde comunicati su altra testata, apparentemente di fredda disamina, riguardo al raddoppio-trasferimento a monte dell’ultimo tratto della ferrovia ligure a binario unico, fra Finale ed Andora, lavori in realtà proprio per perdere tale treno, invano comunque,perchè non si capisce proprio perchè questi ultimi ventisei chilometri di raddoppio mancante debbano essere mantenuti tali od il raddoppio debba essere realizzato, come non sembra molto realistico, sull’attuale percorso litoraneo!

Non sarebbere neppure da commentare le due “analisi” degli effetti dello spostamento della ferrovia a monte sul mercato immobiliare e riguardo all’alta velocità, che di seguito, citiamo testualmente:

A Diano Marina, il costo medio delle abitazioni era 4645 euro a metro quadrato nel 2014 ed è passato a 3558 euro al metro nel 2021, con un calo del 23,4%. A San Bartolomeo al Mare si è passati da 4628 euro nel 2014 a 3298 euro di quest’anno, con un crollo del 28,7%. A Cervo, la diminuzione è stata del 25,2% in sette anni, da 5023 a 3756 euro a metro quadro. A San Lorenzo al Mare, la valutazione residenziale è passata da 3755 a 2876 euro al metro, in calo del 23,6%.

Diano Marina ha visto lo spostamento della stazione in una zona collinare, mentre Cervo, San Bartolomeo e San Lorenzo hanno perso la stazione. In questi quattro comuni, la svalutazione delle case è stata in media del 25,2% negli ultimi sette anni.

Conclusione a cui il gruppo di informazione acutamente arriva?

“L’unica spiegazione razionale è che gli acquirenti e i proprietari delle abitazioni ritengano un servizio essenziale avere la stazione vicina a casa. Un valore aggiunto e un vantaggio, in grado di annullare e superare i disagi legati al transito dei convogli.”

Questo, sostengono, in un tempo in cui la mobilità d’oltre Appennino verso i paesi costieri è soprattutto su strada!  A parte ciò, attribuire la svalutazione del mercato immobiliare agli spostamenti della linea ferroviaria può valere come ipotesi da verificare ma per pretendere che ne sia “l’unica spiegazione razionale” ci vuole del coraggio e si mente sapendo di mentire! Il mercato immobiliare si è svalutato ovunque, negli ultimi dieci anni; non c’è da dilungarsi più di tanto; è sufficiente consultare  qualunque analisi, competente, del mercato immobiliare: a Genova addirittura di una quota del 50% con una media nazionale che oscilla sul 30%! Difficile poter affermare che la colpa è dello “spostamento a monte” delle stazioni!

Riguardo all’Alta velocità il commento sarebbe ancora più superfluo; così si legge nel comunicato dedicato:

Nel ponente ligure, per i treni veloci si delinea un futuro tutt’altro che roseo. Per il calo dei passeggeri in provincia di Imperia, negli ultimi mesi sono già stati soppressi quattro Thello (gli ex Intercity Milano-Ventimiglia, ora diretti in Francia) e dal prossimo giugno dovrebbero sparirne altri due.

Per fare un paragone all’interno della stessa regione: nella Riviera ligure di Levante, in un normale giorno feriale viaggiano 26 Intercity, due Frecciargento e quattro Frecciabianca tra Genova Brignole e La Spezia. Il novanta per cento di questi treni veloci effettua fermate intermedie a Rapallo, Chiavari e Sestri Levante. Buona parte di questi convogli, nonostante siano Intercity, fanno sosta anche a Santa Margherita Ligure-Portofino, Levanto e Monterosso.

In pratica, se ci sono passeggeri, Trenitalia istituisce treni e perfino fermate speciali. E questo avviene anche dove la linea ferroviaria impedisce di mantenere velocità elevate. Come avviene, appunto, sulla linea costiera tra Genova e La Spezia.

Ma quali sono gli attuali limiti di velocità sulla ferrovia tra Finale Ligure e Andora? Nella galleria della Caprazoppa c’è il limite dei 90 km orari. Da Borgio Verezzi ad Albenga, i treni possono andare ai 125 km/h. Tra Albenga e Andora, il limite massimo varia tra i 90 e i 105 km/h.

In provincia di Imperia, lo spostamento a monte ha permesso di alzare il limite massimo di velocità: tra Andora e Diano Marina si va ai 150 km/h, tra Diano e Arma di Taggia si può viaggiare fino ai 180 km/h. C’è stato un aumento della velocità massima, ma purtroppo siamo ben distanti dai 300 km orari della linea tra Roma e Milano, collegate dalle “Frecce” in 3 ore e 10 minuti.”

Veramente non si capisce dove si vuol andare a parare! I 300 chilometri orari sono raggiunti dalle “Frecce” , come si sa, solo su linee adeguate; è ovvio che sull’arco ligure non saranno raggiunti,e  men che meno se si manterrà la ferrovia sul litorale! E poi non sarà mai che, a Levante, transita un maggior numero di Intercity proprio perchè il doppio binario è continuo e non c’è una strozzatura di ventisei chilometri che impedisce un regolare traffico di treni veloci? che comunque sono tali non perchè raggiungono la velocità di 300 chilometri orari ma perchè assicurano un servizio rapido e frequente!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: