Attualità

CIA Savona: riattivare bandi Psr entro il 2021

“Auspichiamo una riattivazione dei bandi Psr rivolte alle imprese e per garantire così
nuovi investimenti delle aziende necessari per la ripartenza del settore e delle filiere
agricole”.
Così CIA Savona al termine della Festa del Grano di Sassello che ha visto
l’inaugurazione di due nuove strutture zootecniche e di allevamento presentate dalla
famiglia Romano, protagonista di una imprenditoria familiare a 360 gradi grazie
anche alla presenza di un agriturismo e di un punto vendita diretto delle proprie
produzioni e delle imprese nella rete “Sassello, Carni, Sapori e Territorio”.
Agricoltura, allevamento, ricettività e promozione dei prodotti in un contesto di
turismo verde e di attività outdoor, con una piena condivisione territoriale.
“Si tratta di una bella iniziativa imprenditoriale a conduzione familiare e di sviluppo
del settore utilizzando le risorse messe a disposizione dai bandi del Psr” afferma
Osvaldo Geddo, direttore CIA Savona.
Sono state presentate due nuove e moderne stalle da allevamento allestite per
ospitare bovini razza piemontese, tra le più pregiate per le carni e con allevamenti
separati di cavalli, maiali, capre e pecore: una fattoria didattica ad indirizzo
zootecnico e un solido collegamento con altre aziende agricole, tramite la rete di
imprese di cui è capofila, per produrre e vendere direttamente carne e latte di
bovino piemontese, carne di capra, carne e uova di animali da cortile, formaggi e
miele. E poi l’ospitalità con l’agriturismo dove si cucina anche carne di capra e si
consumano uova, frutta e verdura dell’azienda, in un contest green di assoluto relax,
con possibilità di trekking, gite a cavallo, escursioni e altre attività immerse nella
natura e nel verde.
“Sicuramente un esempio da seguire per altre realtà del savonese, un modello sul
quale CIA Savona spinge da tempo per valorizzare l’entroterra e il recupero di aree
rurali, oltre al filone del turismo green legato alle nostre eccellenze
enogastronomiche ” aggiunge il direttore Geddo.
“Per questo, oltre alle possibili risorse del PNRR destinate alle filiere agricole, stiamo
chiedendo che la Regione Liguria attivi il prima possibile i nuovi bandi Psr giovani e
investimenti agricoli, cercando di semplificare ancora le procedere delle istruttorie e
graduatorie (modalità a sportello) delle domande per le imprese, pronte ad investire
e migliorarsi”. “E serve recuperare risorse per finanziare alcune domande delle
graduatorie del quinquennio precedente”.
“Inoltre, sono fondamentali l’accesso alle pratiche dell’agricoltura di precisione e
l’utilizzo delle nuove tecnologie per ottimizzare e migliorare i parametri produttivi. Il
nostro territorio può presentare progetti di rete e di filiera corta tra diverse aziende e
operare in maniera sinergica per una maggiore commercializzazione e vendita sui
mercati di tutti i prodotti tipici”.
“Infine, in tema di entroterra e aree rurali, si possono sviluppare interazioni
strutturali con lo stesso settore agroforestale, come impianti a biomasse per
l’erogazione energetica a basso costo o la stessa promozione e valorizzazione del
territorio e dei paesaggi in un’ottica di sostenibilità ambientale”.
“L’occasione di utilizzare al meglio i finanziamenti a disposizione implica la
realizzazione concreta di un modello di economia circolare legata al territorio e alle
stesse produzioni locali: un percorso virtuoso di crescita economica e posti di lavoro
per i nostri giovani” conclude il direttore CIA Savona.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: