Attualità

Albenga, inaugurato il monumento dedicato ai partigiani

E’stato inaugurato, alla presenza del sindaco Riccardo Tomatis, del consigliere regionale Brunello Brunetto, dell’Onorevole Franco Vazio, dei membri del consiglio comunale e dei rappresentanti delle associazioni legate alla Resistenza, il monumento dedicato ai partigiani e voluto da Nicola Nante, figlio del medico Libero.

“Saluto tutti dicendo che 12 anni fa l’amministrazione Tabbò ha dedicato questi giardini a mio padre che era medico condotto, all’epoca unico aiuto per i poveri”, dichiara Nicola Nante, “poichè pagato dal comune. Libero Nante era partigiano ma ha avuto un ruolo marginale ma ha partecipato alla ricostruzione post-bellica; lui ha sempre detto che la realizzazione di un ospedale partigiano era un errore. Mio padre ha realizzato due cliniche private qui ad Albenga ed il sindaco Tabbò mi disse di non far morire la cosa poichè la mia attività era in crisi; a quell’epoca Furlani mi disse che aveva un calco di un monumento dedicato ai partigiani ma non mi era possibile realizzarlo e dopo anni, quando rividi quel calco, capii che era il momento giusto. Il calco è diventato poi un monumento e ringrazio l’amministrazione comunale che mi ha permesso di metterlo nei giardini dedicati a mio padre; la città è nostra e non ha colore ma i dibattiti sono un retaggio della libertà di pensiero che ci hanno concesso i partigiani. I vaccini salvano le nostre vite ma se i no-vax sono espressione della libertà di parola non bisogna censurarli; non mi piace che la Resistenza sia motivo di divisione perchè è rinascita e la Costituzione è il suo importante prodotto”.

Stessa emozione da parte di Riccardo Tomatis, sindaco di Albenga :”Per me è un onore fare i saluti a nome della città e quest’opera ricorda il momento più tragico ed eroico della nostra storia; i politici devono tramandare la storia come impegno verso i nostri figli. Uomini come il professor Nante non nascono come eroi ma i veri eroi sono quelle persone che fanno scelte difficili; nella nostra quotidianità possiamo fare qualcosa lottando contro le ingiustizie e aiutare chi è in difficoltà. Ho conosciuto Libero Nante quando ero un giovane medico e mi ha insegnato molto; questo monumento è importante e serve a ricordare figure che danno tanto alla nostra città”.

“Per me è un onore essere qui e Nico Nante è un collega”, afferma il medico e consigliere regionale Brunello Brunetto, “ma voglio ricordare la storia della mia famiglia. Mio padre non mi ha mai parlato della guerra ed in seguito mi ha raccontato la sua storia, scritta in un quaderno, partendo dal 1942 quando venne arruolato in marina; in seguito venne arrestato dai nazisti e diventò partigiano in Savoia. Per 36 anni ho svolto la professione di medico dedicandomi al prossimo ed onorando gli insegnamenti di mio padre che mi ha trasmesso valori di libertà, democrazia e rispetto”.

“Ringrazio per l’invito e mi sento di dire che sono onorato di poter ascoltare i protagonisti della storia”, sottolinea l’Onorevole Franco Vazio, “e in quegli anni terribili la storia di Albenga è stata fatta da persone che sono morte in silenzio. La nostra città ha in sè tanto eroismo tanto che è stata assegnata la Medaglia d’Oro al Valor Militare e la Medaglia d’Oro al Merito Civile per l’impegno di tutti; molti sono morti per la nostra libertà e ringrazio tutti quei preti, quei genitori e quei ragazzi che si sono sacrificati per la libertà. Con questo monumento li ringraziamo tutti e dobbiamo essere vicini ai valori per cui i partigiani sono morti”.

“Ringrazio il dottor Nante per cosa ha fatto ed il comune di Albenga per aver sistemato il monumento in un bel posto”, evidenzia Giovanni Rainisio, presidente ISREC Imperia, “ma voglio ricordare che la Resistenza è stata fondamentale per la nascita della Repubblica e la guerra di liberazione ha unito tutti i partiti. Occorre essere uniti sui valori della Resistenza e le associazioni devono far capire a tutti, soprattutto ai più giovani, i valori dei partigiani; la democrazia, la libertà e l’uguaglianza sono al sopra dei partiti ma la democrazia deve rinnovarsi ed adeguarsi perchè rischia la morte e solamente una grande unità può garantirla”.

“Ringrazio tutti i soggetti coinvolti dicendo che l’ISREC di Savona ed Imperia ha scelto il dottor Nante per far parte dell’associazione nata per dare vita ad un Museo della Resistenza ad Albenga”, ricorda la presidente dell’ISREC di Savona Franca Ferrando, “e proprio qui è stata assegnata la Medaglia d’Oro al Valor Civile che deve essere ancora consegnata alla città. Albenga è una realtà particolare che ha avuto un importante ruolo per la lotta di liberazione ed è stata un anello di congiunzione della Resistenza tra le province di Imperia e Savona con valori comuni; proprio ad Albenga erano residenti figure importanti come Roberto Di Ferro e Libero Emidio Viveri che hanno rappresentato l’unità. La canzone Fischia il Vento, creata da Felice Cascione, è diventata il simbolo della Resistenza che è stata vinta perchè tutte le forze politiche erano unite”.

“Oggi è un giorno importante in cui viene ricordato Libero Nante e la sua opera a favore dei partigiani”, riprende Carlo Ghezzi, vicepresidente nazionale ANPI, “ma occorre ricordare ai giovani cosa fosse la Resistenza. Il fascismo riuscì a prendere il potere ricorrendo alle violenze contro gli oppositori favorito anche dalle divisioni nei partiti antifascisti senza dimenticare la guerra coloniale, le leggi razziali e la guerra, poco sentita dagli italiani; tanti si fecero delle domande ma pochi si mossero ed i primi furono gli operai con gli scioperi. I partigiani furono circa 250.000 e vennero aiutati dai civili ma tutto ciò fu possibile perchè le forze della Resistenza erano tra di loro molto unite; occorre ricordare anche i 650.000 militari deportati che si rifiutarono di aderire alla Repubblica Sociale, i preti e gli operai e fu anche per merito loro che De Gasperi, nel 1947, potè andare a Parigi e sedere al tavolo della pace con dignità senza dimenticare il voto alle donne, l’elezione dell’Assemblea Costituente e la nostra Costituzione”.

“Porto il saluto del presidente della FIVL dicendo che la memoria è importante”, dichiara il vicepresidente della FIVL, “ed occorre consolidarla. L’arte crea memoria così come i monumenti e fa capire i contenuti dell’esperienza che vogliamo fare; i martiri della foce di Albenga sono persone comuni nella loro straordinarietà ed il mondo della Resistenza è sempre delineato al plurale. Occorre far vivere la memoria prendendo come esempio il senso di generosità che contraddistingue l’impegno dei maestri e dobbiamo comportarci come loro aiutando l’Italia a rialzarsi e curare le ferite dello spirito”.

“Ringrazio i presenti ricordando che il mio comune è stato strategico per la Resistenza ed il 27 gennaio 1944 cade Felice Cascione”, sottolinea il sindaco di Alto, “e fu proprio lui a creare la famosa canzone Fischia il Vento diventata in seguito l’inno della Resistenza. In seguito alla sua morte venne chiamato ad indagare un giovane partigiano, Libero Nante; i suoi discendenti devono esserne orgogliosi e sono convinto che la libertà non sia scontata ma passi attraverso la memoria”.

“Sono molto contento della mia opera”, ricorda l’artista Flavio Furlani, “e mi sento in dovere di ricordare la figura di mio padre che nella Prima Guerra Mondiale era un soldato austriaco e quella di Romano Strizioli, giornalista della zona”.

“L’opera è importante e sono onorato che l’amministrazione abbia deciso di metterla qui; l’idea è nata nel 2008 ma non mi era possibile finanziare la realizzazione del monumento mentre ora mi è stato possibile. L’artista Furlani ha tenuto il calco per 20 anni e onorando mio padre in questo modo onoro tutta la mia famiglia”, conclude Nicola Nante.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: