Comunicazioni

Quando all’Oratorio Salesiano di Varazze c’erano i “passa volanti”

In occasione del 150° di fondazione dell’Opera Salesiana a Varazze, un vecchio ex allievo e assiduo
frequentatore dell’Oratorio, ricorda con nostalgia quel bel tempo andato, fatto di educazione religiosa e
sociale, di assistenza spirituale e di quel sano gioco che permetteva ai ragazzi di sfogarsi in tanti modi, senza
la necessità di cercare altrove e magari con pericolo, lo svago necessario allo loro età.
Parliamo degli anni 30 e 40, quando scegliere l’Oratorio non era facile per la severità di leggi che
imponevano altre educazioni, marziali, per una gioventù forgiata per promessi gloriosi futuri.
Ma l’Oratorio resisteva e funzionava, eccome! Avevamo il Cinema settimanale al pomeriggio, con film per
lo più western e un John Wayne ancora agli inizi, e poi le comiche di Ridolini e di Charlot , e, quando la
pellicola non era arrivata in tempo, c’era sempre la comica dell’Oca, … chi se la ricorda?
Il pallone faceva lo slalom tra gli alberi di leccio nel campetto sovrastante, poi c’erano le bocce, la grande
giostra per i più piccoli, le sale per i giochi di dama, carte, ecc. Ma un divertimento in particolare, per i più
grandicelli e dotati, era quello dei “passa volanti”, che facevano volteggiare i ragazzi attorno a un alto
manufatto di ferro, con salti acrobatici qualche volta non privi di piccoli infortuni. Si doveva dimostrare chi
era il più coraggioso e bravo, e non mancava una piccola tifoseria e qualche scommessa con posta i pescetti
di liquirizia.
L’oratorio era un piccolo mondo che accontentava tutti, in una società ancora semplice che affrontava i
disagi della guerra con proverbiale saggezza e pazienza, affidandosi alla protezione di
Don Bosco. Quanti ricordi: la Filodrammatica , che andava in ” tournée” alle Colonie Bergamasche
per portare un pò di buon umore ai soldati che arrivavano dai vari fronti, feriti o congelati, la Banda Musicale “
Cardinal Cagliero”, e tante altre belle cose; un’oasi di pace per sopravvivere al caos e alla paura di quel periodo nero.
Molti i sacerdoti che accudivano i giovani (alcuni dei quali “mimboscati” per nascondere identità
pericolose…).
Su tutto c’era Don Bosco con il suo sorriso che rasserenava e i vari direttori che guidavano la ” Sua barca”:
don Pertile , don Berloffa , al collegio don Masieri e don Treggia , altri nomi sfuggono nelle pieghe di un’età
ormai tarda, ma resta quella bella cartolina che riflette il successo di un’opera iniziata nel 1871 per
l’intuizione vivida del Santo della gioventù, ora continuato da chi ne ha preso il testimone con impegno.
Auguri vivissimi, caro vecchio Oratorio. Nelle notti di insonnia, spesso un bambino tenta ancora di saltare
con i “passa volanti”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: