Attualità

Dalla Regione a Cosseria per l’agricoltura

Interessanti provvedimenti per il florovivaismo e l'ambiente

L’Istituto Regionale per la floricoltura di doterà di un laboratorio di patologia vegetale come ente ufficiale per le analisi sugli organismi da quarantena, ovvero i parassiti delle piante particolarmente dannosi. E’ quanto ha annunciato, il 21 luglio scorso, il Vicepresidente della Regione Liguria e Assessore all’Agricoltura, Alessandro Piana.

“Il riconoscimento ufficiale del laboratorio – così spiega l’Assessore Piana- ha lo scopo di fornire un servizio alle nostre produzioni florovivaistiche di diagnosi agli organismi nocivi e garantire in Liguria due poli, il laboratorio di Sanremo nell’ambito dell’Istituto Regionale della Floricoltura e quello di Genova del Servizio Fitosanitario Regionale per offrire un servizio sempre più efficace ed efficiente”.

“Un salto di qualità – così si esprime, a sua volta, Margherita Beruto, direttore presso l’Istituto Regionale per la Floricoltura- che si innesta sugli obiettivi condivisi tra IRF e Regione Liguria per il potenziamento del monitoraggio alle avversità dei vegetali, per preservare il territorio ligure dall’introduzione di nuovi organismi patogeni, prevenirne la diffusione e contenerli, laddove la loro presenza venisse accertata. Si tratta di una strategia regionale per mantenere il territorio Ligure Xylella Free. Oggi, oltre alle attività di diagnostica che l’Istituto offre alle imprese, questa intesa ci consente, come laboratorio ufficiale, di effettuare analisi su organismi regolamentati. La fitodiagnostica è un tassello fondamentale per la salvaguardia dell’ambiente e per supportare le aziende del comparto”.

Sempre sulle problematiche del contrasto alla diffusione dei parassiti, è interessante sottolineare quanto il Sindaco di Cosseria, Roberto Molinaro, riferisce sull’impiego di “diserbanti a caldo” : “Da due anni stiamo utilizzando una torcia termica per bruciare il verde infestante nell’area cimiteriale. I risultati sono ottimi, poichè ritarda la ricrescita del verde spontaneo. Non provoca alcun danno agli oggetti perché non vengono usati decespugliatori ma solo una torcia che si alimenta con una bombola di gas. L’obiettivo più importante è stato l’abbandono definitivo di diserbanti chimici, i quali oltre ad inquinare il terreno rappresentavano un micidiale veleno per le api. L’operatore non deve affaticarsi particolarmente e non rischia di essere contaminato dalla nebulizzazione degli agenti chimici. Spero che questa tipologia di intervento possa essere intrapresa su vasta scala perchè ne giova la salute dell’ambiente, un piccolo passo ma a mio avviso importante per la salute degli esseri viventi”.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: