AttualitàPolitica

Il consiglio comunale di Genova approva un banco farmaceutico per le persone in difficoltà

Anche a Genova un banco farmaceutico per le persone meno abbienti; è questa la mozione, passata all’unanimità durante lo scorso consiglio comunale di Genova, presentata da Davide Rossi, Francesca Corso e Lorella Fontana della Lega che consente anche alle persone più povere di poter accedere a vari tipi di medicinali.

“Ho discusso una mozione riguardante la creazione di un banco farmaceutico per le persone meno abbienti, sempre maggiori dopo questa pandemia”, dichiara il consigliere Rossi, “e sono soddisfatto che la giunta e tutto il Consiglio comunale abbia approvato tale proposta. All’inizio, come da me spiegato, si possono coinvolgere le farmacie comunali e in secondo luogo spero che anche altre farmacie private aderiscano all’iniziativa; un’iniziativa che da persona sempre vicina alla gente e sensibile ai temi della solidarietà spero venga messa in atto al più presto”.

Esperimenti simili avvengono già in altre città italiane; si tratterebbe, secondo la mozione, di realizzare un banco farmaceutico all’interno delle farmacie comunali e qui sia i cittadini sia i titolari potrebbero donare una quota di farmaci generici a disposizione di chi non ha il denaro per acquistarli.

Un’iniziativa che, secondo i promotori, dovrebbe coinvolgere i nove municipi cittadini permettendo, vista la vicinanza con il territorio, di stabilire l’iter e le farmacie comunali da coinvolgere; è stata infatti prevista anche la convocazione di una commissione consiliare comunale sull’argomento.

Sarà necessario, per rendere concreta l’iniziativa, discuterne anche con i sindacati dei lavoratori delle farmacie oltre che con diverse associazioni del terzo settore.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: