Attualità

Nessun grazie dagli amministratori comunali verso chi pratica lo sport in maniere gratuita e disinteressata.

Tutti gli operatori e i dirigenti sportivi sanno bene che il comune di Savona, al fine di  sistemare il proprio bilancio e risparmiare  fino al midollo , ha dovuto “azzerare” i contributi economici alle società  sportive, che con grande fatica ed abnegazione hanno fatto  e continuano  a fare dello sport, nel ambiente cittadino ,nonostante il periodo pandemico del covid-19. Decisione, tuttavia non condivisa da molti, che ha colpito direttamente le piccole aziende sportive amatoriali che hanno trovato su di loro lotta contro la totale mancanza di liquidità per continuare la loro attività a favore dei giovani. C’è , invece, (la minoranza) che giustifica questa decisione dell’amministrazione comunale  di Savona valutando che lo stesso comune, per motivi amministrativi, non potrebbe erogare contributi finanziari a fondo perduto. ma anche quelli che difendono il comune per la scelta  intrapresa, sono pienamente  d’ accordo  nel valutare che l’amministrazione comunale potrebbe avere, in questi anni, indire una cerimonia pubblica liberando il lavoro dei club sportivi – almeno con un diploma sul continuo impegno a favore della città e dei giovani. Una cerimonia pubblica che non sarebbe costata  praticamente nulla se non per le spese di due diplomi. Anche a questo nessuno ci ha pensato e ancora una volta l’attività indispensabile e meritoria attività  amatoriale, non è stata presa in nessuna considerazione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: