CronacaSport

Savona, intitolato a Giulio Ottolia il complesso sportivo della Fontanassa (Fotogallery)

Alla cerimonia era presente Davide Ottolia, figlio di Giulio

Si è svolta nel tardo pomeriggio di ieri  presso il campo di atletica  della Fontanassa la cerimonia di intitolazione del complesso polisportivo a Giulio Ottolia. Numerose le istituzioni del mondo politico e sportivo presenti. Tra loro il Sindaco di Savona Ilaria Caprioglio, l’assessore regionale allo sport Simona Ferro, l’assessore allo sport del comune Maurizio Scaramuzza , il Delegato Provinciale del Coni  Roberto Pizzorno, il Presidente Regionale Atleti Olimpici Azzurri, Roberto Ghersi e lo “storico” presidente del Cus Genova Mauro Nasciuti che ricoprì la carica per 34 anni.

A fare gli “onori di casa” Marco Mura, organizzatore e promotore del Meeting Città di Savona intitolato a Ottolia : “È davvero un piacere dedicare a Giulio Ottolia un impianto che negli ultimi anni è diventato un punto di riferimento e che ha visto Jacobs ottenere il record italiano sui 100 metri“.

Poi,è stata la volta del sindaco di Savona Ilaria Caprioglio“Ricordo bene Giulio Ottolia  perché mi ha allenato. Trattava  i suoi atleti come se fossero figli, sono felice che la targa in suo ricordo sia scoperta durante il mio mandato”.

“Sono felice  di vedere un’amministrazione comunale sensibile nei confronti dello sport e sensibile nei confronti di chi amava lo sport come Giulio Ottolia, – il commento dell’ Assessore Regionale Simona Ferro – ” dopo un anno e mezzo di sofferenza anche per gli sportivi, è bello vivere questi momenti. Lo sport è importante in Liguria, anche perché il mare permette di poter praticare una gamma di discipline davvero ampia. Un grande ringraziamento a Marco Mura per tutto quello che fa”.

Poi, la parola è passata all’ assessore comunale alla sport Maurizio Scaramuzza che a ricordato il grande lavoro portato avanti in questi anni: “Siamo  partiti con Marco Mura cinque anni fa. Allora c’era  soltanto la pista di atletica. Abbiamo lavorato per un sogno. La cosa più bella è che ora  nel mondo e in Europa  si parlerà di Giulio Ottolia”.

A scoprire la targa posta all’ ingresso del campo di atletica il figlio di Ottolia, Davide :“Mio padre era una persona semplice  con sani principi sportivi. Allenava chiunque avesse voglia di cimentarsi nello sport, indipendentemente da quanto fosse dotato. L’atletica era per lui una sfida personale. Il suo insegnamento può essere riassunto in questa frase: fare tutto ciò che si può nei propri limiti’. Non tutti possono arrivare a partecipare  alle Olimpiadi ma non devono per questo rinunciare allo sport”.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: