Cronaca

“Sguardo a Sud”- Premio Nazionale Città di Loano

Giovedì 29 luglio a Loano prosegue lo Sguardo a Sud del Premio Nazionale Città di Loano, a
sottolineare il legame e le rotte nord-sud che da sempre legano la Liguria agli altri porti del
Mediterraneo.
Alle ore 18, nel ridotto del Giardino del Principe, il musicologo Jacopo Tomatis dialoga con
Lucilla Galeazzi, a Loano per ritirare il Premio Miglior Album 2019 assegnato lo scorso anno da
oltre sessanta giornalisti specializzati e studiosi all’album Donna, voja e fronna… di
UmbriaEnsemble & Lucilla Galeazzi.
Donna, voja e fronna… è un progetto di Piero G. Arcangeli pubblicato da Squilibri. Un lavoro di
grande equilibrio e raffinatezza, che vede l’ensemble di musica da camera umbro formato da
Claudia Giottoli (flauto e ottavino) Luca Ranieri (viola), Maria Cecilia Berioli (violoncello) e
Leonora Baldelli (pianoforte) insieme alla grande voce di Lucilla Galeazzi, dagli anni Settanta
interprete profonda e originale delle musiche di tradizioni italiane (e della sua Umbria, in
particolare). Un album nato da un’idea dell’etnomusicologo e compositore Piero G. Arcangeli che
nel 1968 aveva dedicato la sua tesi di laurea ai canti popolari umbri raccolti nel 1956 da Diego
Carpitella e Tullio Seppilli, una ricerca fondamentale per la “riscoperta” della musica popolare
italiana.
Quelle stesse melodie, trascritte ed elaborate da Arcangeli, sono ora al centro di questo disco,
ripensate per strumenti “classici” con la figura della donna al centro, come «“memoria storica” dei
repertori musicali popolari nella civiltà contadina umbra», come afferma lo stesso Arcangeli.
Alle ore 21, in piazza Italia, nel cartellone della 17^ edizione del Premio Nazionale Città di Loano
spicca il nuovissimo progetto A Sud di Bella Ciao vero spettacolo all-star del folk italiano, con
Riccardo Tesi, Elena Ledda, Lucilla Galeazzi, Alessio Lega, Gigi Biolcati, Claudio Carboni,
Maurizio Geri e – ospite speciale – Mario Incudine.
Prosegue con questo nuovo spettacolo il progetto ideato nel 2014 da Riccardo Tesi per celebrare i
cinquant’anni dello spettacolo Bella Ciao del Nuovo Canzoniere Italiano – ideato da Roberto
Leydi, e con la regia di Filippo Crivelli – che debuttava nel 1964 al Festival dei Due Mondi di
Spoleto tra focose polemiche.
«La ripresa dello spettacolo nel 2014, era tanto un omaggio quanto una re-invenzione del mito di
Bella Ciao e della sua influenza sui successivi sviluppi del folk italiano, di cui noi tutti – musicisti e
operatori culturali – siamo figli – spiega Jacopo Tomatis, direttore artistico del Premio Loano – Il
“nuovo” Bella Ciao, negli anni successivi, ha totalizzato decine e decine di repliche nei maggiori
teatri europei e non (lo si è visto anche a Loano), diventando un nuovo classico del folk italiano
sulla scena internazionale della world music».
«Ora Riccardo Tesi e i suoi lo hanno riallestito e reinventato con un nuovo repertorio: A Sud di
Bella Ciao, per ricordare come nel primissimo allestimento del 1964 mancasse, in effetti, un pezzo
importante di musiche tradizionali italiane, quelle del Meridione – prosegue Tomatis – Dunque,
spazio alla pizzica – che incontra l’argia sarda – e alla tammurriata, al “Canto dei Sanfedisti” e a
Matteo Salvatore, ai canti di lavoro del Centro Italia e alla Sicilia. Insieme all’organetto del maestro
orchestratore Tesi una vera allstar del folk nazionale: le voci di Elena Ledda, Lucilla Galeazzi,
Alessio Lega e Nando Citarella (a Loano sostituito dalla guest star Mario Incudine), la chitarra di
Maurizio Geri, le percussioni di Gigi Biolcati e i sax di Claudio Carboni».
Il Premio Loano è organizzato dall’Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con
l’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano, con il contributo della
Fondazione A. De Mari e il patrocinio dell’ANCI. La direzione artistica è a cura di Jacopo
Tomatis. I media partner del festival sono Blogfoolk, Giornale della musica, Radio Popolare.
Tutti i concerti e gli incontri sono a ingresso gratuito; è necessaria la prenotazione, nel rispetto
delle normative anti Covid, telefonando al numero 353 4301700, (dal 19 luglio tutti i giorni dalle ore
15.00 alle 18.00). Piazza Italia sarà chiusa dalle 19 e subito dopo prenderanno il via le operazioni
di sanificazione. Il pubblico potrà iniziare ad affluire a partire dalle 20 attraverso l’unico ingresso in
via Martiri della Libertà. Per poter accedere alla piazza occorrerà compilare l’autocertificazione anti
Covid. I posti a sedere disponibili sono 350 in tutto. Una volta esauriti, il pubblico potrà prendere
posto sulle altre sedute costituite dai manufatti di arredo urbano o direttamente sul pavimento della
piazza.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: