Attualità

“Passaggio a Nord-Ovest”, presentato il nuovo progetto per l’Albenga-Carcare-Predosa

Da anni si parla del progetto dell’Albenga-Carcare-Predosa senza arrivare ad alcun risultato ma ora il bisogno di questa bretella si è fatto più evidente dopo la situazione autostradale degli ultimi tempi; nei giorni scorsi si è tenuto un incontro tra i diversi rappresentanti del territorio per discutere del problema e delle opportunità.

“Ringrazio tutti i presenti”, dichiara Pierangelo Olivieri, presidente della provincia di Savona, “dicendo che questa bretella è importante per il porto di Savona ma occorrono soluzioni concrete”.

Parole simili da parte di Luciano Pasquale, presidente della Fondazione De Mari :”La fondazione si occupa di interventi sul territorio seguendo gli obiettivi di legge; l’Albenga-Carcare-Predosa è importante e se ne parla da anni ma occorre uno studio di fattibilità economica e sociale. L’autostrada Savona-Genova è già satura ed occorre togliere una parte di traffico da quell’arteria; per approvare il tracciato dell’Albenga-Carcare-Predosa servono procedure veloci ma ad ora manca il soggetto attuatore”.

“Il progetto non può essere finanziato dal PNRR e quest’opera è difficile e costosa”, afferma il governatore Toti, “quindi necessita di un’importante analisi costi-benefici ed il progetto deve essere condiviso da tutti. La regione sarà presente con uno sviluppo sostenibile e per evitare disagi occorre guardare al futuro; la Liguria da Ventimiglia a Sarzana ha due strade più la ferrovia e un’arteria in più e più grande sarebbe perfetto”.

“Conosco la zona perchè ci ho vissuto e due segmenti paralleli che collegano la Liguria e la Pianura Padana evitando Genova in aggiunta alla Gronda sarebbe fondamentale”, sottolinea Marco Bucci, sindaco di Genova, “ed in questo modo si eviterebbe il traffico pesante all’interno di Genova e Savona. La sostenibilità è importante ed occorre una visione per il futuro; le cose devono essere fatte ed occorre lungimiranza ma la tecnologia digitale è importante. Ho vissuto in prima persona la tragedia del Ponte Morandi (il sindaco Bucci è stato anche Commissario Straordinario per la Ricostruzione del Viadotto) ma la Liguria è un’importante sfida su questo tema; sono favorevole alla prosecuzione del progetto con un’eccezionale rindondanza garantendo la sostenibilità ecologica”.

“Il collegamento con la Francia è molto importante”, evidenzia l’assessore all’agricoltura della regione Piemonte Marco Protopapa, “ed il primo lotto, che coinvolge Albenga e Carcare, è il più difficile. Sono due le valli coinvolte e anche se il tratto Carcare-Predosa non rientra nei nostri piani non chiudiamo le porte al progetto”.

“Il crollo del Ponte Morandi è stato per noi critico ma il problema della viabilità riguarda tutta la regione”, ricorda l’Onorevole Rixi, “soprattutto perchè mette a dura prova gli spostamenti dovuti al commercio ed al turismo. Il Piemonte e la Liguria dovrebbero sostenere quest’arteria aggiuntiva senza dimenticare la Gronda; per noi è molto importante la difesa del Made in Italy e senza un sistema di infrastrutture competitivo non si può andare lontano”.

“Il progetto è sempre stato poco condiviso e pochi hanno saputo cosa fosse realmente l’opera”, espone Claudio Scajola, primo cittadino di Imperia, “quindi se ne parla poco. Per il Piemonte e la Lombardia sembra sia stato un problema solamente ligure ma non è così ed il sistema deve interessare tutto il nord-ovest visto che più del 30% dei camion che transitano sulle nostre arterie non coinvolgono attività commerciali liguri; la Liguria deve proseguire sulla strada attuale ma coinvolgendo maggiormente Piemonte e Lombardia”.

“Il progetto è risalente nel tempo ed è stato dimenticato perchè si credeva che riguardasse solamente il Ponente ma non è così”, afferma l’assessore regionale Gianni Berrino, “poichè molti tir stranieri o diretti in altre regioni passano in Liguria. Questo progetto, così come la Gronda, sono necessari per liberare la Liguria ma occorre concordare il tracciato con i territori coinvolti”.

“Il vero problema è che abbiamo sbagliato impostazione per la strategia verso i concessionari dopo la tragedia del Ponte Morandi”, dichiara l’Onorevole Raffaella Paita, presidente della Commissione Trasporti, “ma mi sento di dire che su questo tema l’Onorevole Rixi ed il sindaco Bucci hanno svolto un buon lavoro. Le infrastrutture sono state poco controllate per un sistema di sbilanciamento dei poteri ed il tracciato classico di quest’opera coinvolge il Piemonte per 40 chilometri e la Liguria per 20; la cosa fondamentale è che servono più risorse da chiedere ai concessionari”.

“Sono contento dei risultati ma occorre costruire fondamenta con contributi ed interventi precisi ma soprattutto puntuali”, conclude il presidente Olivieri.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: